Un Capsda a Casarano

Internet a banda larga all'Informagiovani

Centri di accesso pubblico ai servizi digitali avanzati. Questo vuol dire “Capsda”. Ovvero delle “stazioni” che permettono di accedere gratuitamente ai servizi digitali delle pubbliche amministrazioni

Dopo l’area wireless di piazza San Domenico e l’istituzione delle postazioni “Open Space” e “Nonno Point” (che sarà inaugurata dopodomani), il Comune di Casarano aggiunge un nuovo servizio di navigazione su internet a disposizione dei cittadini. Si tratta del punto di accesso della rete “Capsda” (acronimo di “Centri di accesso pubblico ai servizi digitali avanzati”), dotato di connessione a banda larga, istituito e collocato presso la Biblioteca comunale di via Parente, dove è situato il “Centro Informagiovani”. Nel centro si può accedere gratuitamente ai servizi digitali avanzati della pubblica amministrazione regionale (Rupar) e ai servizi digitali che le amministrazioni sono in grado di erogare, grazie ad una stazione telematica, formata da più postazioni, che permette di risparmiare tempo nel disbrigo delle pratiche. Particolare attenzione è stata dedicata alla categoria delle persone diversamente abili, con una postazione per non vedenti ed ipovedenti. Nei centri “Capsda”, inoltre, si può navigare in internet in modo rapido con la connessione a banda larga e disporre di servizi a valore aggiunto strutturati in tre tipologie: “studio e ufficio”, “imprese”, “architettura e design”. La tipologia riguardante il Comune di Casarano è quella denominata “imprese”, particolarmente adatta al nostro territorio, in cui piccole e medie imprese permeano l’economia. Questa tipologia è, infatti, rivolta a tutte le aziende che possono anche fruire dei servizi di collegamento a banche dati e di videoconferenza ed anche a coloro che si apprestano ad avviare un’attività. La rete “Capsda” è costituita da 15 centri e 17 punti di accesso pubblico ubicati in 32 Comuni del Sud Salento. Il centro di Casarano è aperto a tutti i cittadini, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 14; il martedì e il giovedì anche dalle ore 16 alle ore 19.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!