2 a 0…e buone feste!

Il Lecce batte il Rimini pe rdue reti a zero e rimane agganciato alla vetta della classifica

I giallorossi conquistano i tre punti e riscattano così anche il risultato di Brescia di martedì scorso. Ottima la prestazione di Valdes, finalmente schierato dal primo minuto, ed anche quella di Ariatti. Capitan Zanchetta ha fatto sognare il via del Mare con una punizione ad esecuzione perfetta.

Dopo la doppia trasferta consecutiva il Lecce torna al via del Mare nel venerdì calcistico prima delle festività pasquali, ed incontra un Rimini intenzionato ad agganciarsi alla zona play off. I giallorossi però sono agguerriti e decisi a riscattare il risultato di Brescia dove la bella prestazione dei salentini si conclusa con u pari a reti inviolate. Il Lecce parte subito all’attacco con un’offensiva anche un po’ spregiudicata. Al 5’ dalla tre quarti di campo parte un cross lungo per Tiribocchi che avanza e da fuori area tenta il tiro che sfiora il primo palo. Poi i salentini lasciano spazio al Rimini che si fa vedere dalle parti di Benussi con un tiro di Vitelli prima (respinto dal portiere) e poi con una punizione da fuori area che Ragonesi spedisce sopra l’incrocio dei pali, e poi ancora con Vatntaggiato ch costringe il portiere giallorosso ad uscire dai pali.. Nel frattempo il Lecce prende le misure e le azioni più incisive vengono da Valdes, schierato dal primo minuto. Attorno al 20’ è di nuovo Lecce, captina Zanchetta prende le misure battendo una punizione dai 20 metri che però Consigli riesce ad intercettare, e da qui in poi il Lecce inizia a conquistare la metà campo avversaria. Al 30’ Ariatti (splendida anche la sua prestazione) lancia con un cross Tiribocchi che, in area, tenta la conclusione di prima, ma il portiere avversario devia in corner ancora al 41’ un cross da metà campo per il Tir che avanza e dal limite dell’area tenta il tiro ma Consigli fuori dai pali respinge l’attacco. Le squadre poi vanno negli spogliatoi sullo 0 a 0. Alla ripresa Acori cerca di ridisegnare la squadra inserendo Pagano per Greco, ed al 7’ Papadopulo chiama fuori Munari per Corvia. Il Lecce continua la sua avanza e al 10’ ci prova con una punizione di Zanchetta con Tiribocchi in area che colpisce di testa e la mette a lato proprio mentre Banti già fischiava il fuorigioco. I salentini studiano l’avversario ma devono necessariamente sbloccare una partita che altrimenti potrebbe riservare brutte sorprese come spesso accade quando i ragazzi di mister Papadopulo non riescono a finalizzare. Al 18’ conquistano una punizione al limite dell’area, in posizione decentrata, capitan Zanchetta si presenta sulla sfera, Banti controlla e ricontrolla la barriera e le distanze, ma il capitano ha già pronto il colpo da maestro: rincorsa ed esecuzione perfetta, un missile calibrato supera la barriera e finisce poco sotto l’incrocio dei pali dove Consigli non può a nemmeno in estensione. E’ il gol dell’1 a 0. Acori prova ancora la carta delle sostituzioni e chiama fuori Basha per Catacchini. Intanto Corvia cerca il ritmo della gara e si scalda con un tiro al 25’ che viene deviato in corner. Al 31’ Zanchetta fa sognare i tifosi: a metà campo tenta il tiro di prima intenzione direttamente in porta, il pallone finisce poco sopra la traversa. Al 37’ il primo cambio per il Lecce, esce Tiribocchi ed entra Vives. Al 39’ Corvia ha la palla del raddoppio tra i piedi ma l’occasione sfuma, ma al 41’ non si lascia trovare impreparato e soprattutto non spreca la bella azione di recupero ad opera di Ariatti che lo lancia in area e segna il gol del 2 a 0. Per il resto la partita si chiude qui, ed al 43’ Papadopulo sostituisce Zanchetta probabilmente per farlo uscire tra gli applausi del Via del Mare. E così è.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!