Multe. Quanti euro per i Comuni

Numerose violazioni del codice stradale

Nel 2006, il Comune di Casarano ha incassato 64.639 euro da multe elevate per violazione del Codice della strada. La quota pro-capite per ogni casaranese è di 3,15 euro

Una miseria rispetto agli introiti garantiti dalla Polizia Municipale di altri comuni salentini come Acquarica del Capo (10,3 euro pro-capite), Galatone (12,8 euro), Taviano (17,6 euro) Patù (23,0 euro), per non parlare delle quote irraggiungibili di Otranto (56,9 euro), Vernole (59,7 euro), Montesano Salentino (108,9 euro) e Gallipoli (118,9 euro). La nostra città, purtroppo (“o per fortuna”, direbbero gli automobilisti), non ha un bel rettilineo di una strada statale e un autovelox; né un tratto di mare, con spiaggia e stabilimenti balneari annessi, meta di migliaia di turisti. Solo chi ha questi elementi può permettersi di risanare le casse comunali grazie alle contravvenzioni dei vigili urbani. E’ quanto emerge da un’approfondita indagine del quotidiano finanziario “Il Sole 24 Ore” sugli introiti dei comuni basata sui dati dei bilanci consuntivi del 2006. Per diversi paesini italiani, vedi il caso a noi più vicino di Montesano Salentino, è questo il vero “tesoretto” che ha risolto i problemi di bilancio, e seguire con distaccata sufficienza tutte le polemiche sui tagli di risorse. L’indagine ha tra l’altro rivelato che la maggioranza delle multe vengono comminate ai non residenti. Non c’è un’analisi particolare sulla nostra città, ma altre indagini hanno detto che Casarano, per la presenza di numerosi servizi pubblici (uffici, scuole, banche, attività commerciali e industriali ecc.), attira ogni giorno migliaia di persone, e quindi anche migliaia di veicoli e di automobilisti. In particolare, uno studio di un anno fa dell’Ufficio Commercio ha stabilito che in città si riversano ogni giorno tra i 4000 e i 5000 autoveicoli e che la popolazione presente della città è di circa 35.000 abitanti (il dato ufficiale dei residenti è di 20.506 nel 2006). In definitiva, la quota pro-capite di multe è ancora più bassa rispetto a quella ufficiale: 1,84 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!