Moto contro auto. Grave il centauro

Una manovra troppo larga probabile causa dell'incidente

Troppe ferite al torace. E' ricoverato in Rianimazione Giuseppe Giannaccari, 31enne di San Pietro in Lama, che ieri si è scontrato con una Smart

Le condizioni di Giuseppe Giannaccari, 31enne di San Pietro in Lama, rimasto coinvolto nella giornata di ieri in un incidente con una Smart, non erano sembrate troppo gravi in un primo momento. Purtroppo sono peggiorate col tempo, dopo che il centauro è stato condotto presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce da un’ambulanza del 118, reparto Rianimazione. Troppe le ferite al torace, che hanno determinato un progressivo aggravarsi del suo stato di salute. Per gli occupanti dell’auto, Alessandro Perrone e Giuseppa Giannotta, la situazione è apparsa subito sotto controllo (nonostante i due abbiano rischiato di rimanere intrappolati all’interno della vettura, dal momento che la parte anteriore della stessa ha preso fuoco). Le ferite riportate sono state lievi. La donna se la caverà con otto giorni di prognosi, l’uomo con ancora meno. La dinamica dell’incidente è ancora da accertare ma pare che i due mezzi, che viaggiavano in direzione opposta, si siano ritrovati nella stessa corsia, scontrandosi frontalmente. La responsabilità pare sia stata del motociclista: avrebbe effettuato una manovra troppo larga invadendo la carreggiata di fronte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!