Pallamano Italgest. Nuovo acquisto

Arriva il terzino Igor Radjenovic

Grande colpo messo a segno dalla Italgest Salento d’amare: arriva dal club portoghese del Madeira Andebol SAD il terzino serbo Igor Radjenovic

Si tratta del colpo che tutti attendevano, utile sia in fase difensiva sia in attacco. La trattativa è stata lunga ed intensa. Il terzino è stato inseguito con convinzione dal direttore sportivo Giuseppe Isernia, il quale lo conosce bene avendolo visto all’opera in diverse occasioni. Radjenovic, nato a Banja Luka (Bosnia) il 5.8.1978, va così a completare il roster della compagine rosso – azzurra. Comincia a giocare a pallamano nel 1995 nella squadra della sua città, il Borac Banja Luka. Per ben otto anni dalla stagione 19961997 ha militato nell’ RK Sintelon, una delle più forti formazioni serbe, disputando le competizioni europee City Cup, Cup Winner’s Cup e in due occasioni l’EHF Cup. Poi nel luglio 2003 decide di intraprendere il percorso del campionato più importante in Europa: la Asobal nelle file dell’Alcobendas. Qui rimane fino a luglio 2006, quando si trasferisce nel Pfadi Winterthur, squadra della massima serie svizzera. Dallo scorso luglio è a Madeira, dove ha giocato fino al 30 Novembre. In questo primo scorcio di stagione il serbo vanta una media realizzativa di 8 reti che gli ha consentito di essere uno tra i migliori marcatori del campionato portoghese. Radjenovic è dotato di un’imponente struttura fisica: 198 cm per 100 kg che ne fanno uno dei giocatori più forti del nostro campionato. “Sono orgoglioso di vestire questa maglia e di cimentarmi in questo interessante campionato italiano”, dichiara un entusiasta Radjenovic. “Non vedo l’ora di poter giocare già venerdì contro il Conversano davanti ai miei nuovi tifosi”. Nella scorsa serata al Pala Italgest di Lecce, Igor Radjenovic ha effettuato il primo allenamento con il suo nuovo team agli ordini di mister Ivanisevic.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!