Caso Renda. E' la svolta

Si attende il processo

Si aspettano nuovi sviluppi dal prossimo processo sul caso Renda. La famiglia della vittima è in attesa della perizia del Cenapi

Morì in una cella nel carcere di città del Messico il tre marzo del 2007, Simone Renda, 34 anni di Lecce. L'uomo ammalato sarebbe stato portato dalla camera del suo albergo insieme al suo bagaglio fino al carcere, come fosse un delinquente in punizione, per un'accusa di tossicomania. Le indagini non si sono mai fermate e adesso si punta tutto sulla prossima riunione che si svolgerà tra giovedì 28 e venerdì 29 febbraio al quale parteciperà anche Leonardo Tedesco, legale della famiglia Renda e probabilmente anche Felice Scauso, ambasciatore italiano. Per ora i reati emersi sono sequestro e tortura ma dalle prossime indagini emergeranno probabilmente anche i reati di lesioni e omicidio doloso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!