Servizio sociale professionale nella scuola superiore

Conferenza dei dirigenti scolastici

Si terrà questa mattina alle ore 10.30, nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini a Lecce la presentazione durante la quale verrà condiviso e siglato il Protocollo d’intesa per l’istituzione di un Servizio sociale scolastico professionale per la prevenzione del disagio e della devianza minorile

Loredana Capone, vicepresidente e assessore alle Politiche sociali ed educative ha convocato la Conferenza dei Dirigenti Scolastici e l’Ufficio scolastico provinciale per concordare la migliore funzionalità del servizio. Proseguendo un progetto già avviato sperimentalmente sin dall’anno scolastico 2004/2005, l’assessorato alle Politiche Sociali ed Educative della Provincia di Lecce intende istituire, in collaborazione con Alba Service Spa, il Servizio Sociale Scolastico Professionale, che conterà su uno staff di 10 assistenti sociali e su un’équipe di professionisti preposta al coordinamento. Il Servizio Sociale Scolastico sarà collegato operativamente con i “Centri Risorse contro la dispersione scolastica e la frammentazione sociale” e sarà anche messo in relazione per specifiche iniziative con i “Centri Servizi per l’integrazione degli alunni in situazione di handicap”. L’iniziativa, aperta ai bisogni dell’intera comunità scolastica degli Istituti superiori, mira alla promozione del benessere degli studenti. Gli obiettivi, le modalità organizzative, la tipologia delle prestazioni del Servizio sono stati definiti in un apposito Tavolo tematico interistituzionale per la prevenzione del disagio e della devianza minorile, istituito nell’ambito dell’area minori dell’Osservatorio provinciale sulle politiche sociali. A questo Tavolo tematico, che ha anche definito un percorso formativo di specializzazione dello staff del Servizio Sociale Scolastico, hanno partecipato rappresentanti della Procura e del Tribunale per i Minorenni, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Ufficio Servizi Sociali Minorili, dei Servizi Sociali della Prefettura, del CEPSIA-ASL Lecce e del SERT di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!