Grande Salento. Premio per giovani imprenditori

Consegnato a Roma il riconoscimento

Il progetto realizzato dai Giovani Imprenditori del Grande Salento è stato premiato a Roma, nell’Assise Generale dei Giovani Imprenditori di Confindustria, come migliore analisi di scenario di squadra e dare al movimento un ruolo politico ed istituzionale di cambiamento

E’ con questa motivazione che i Gruppi presieduti da Ennio Montinaro (Lecce), Paolo Ghelardoni (Brindisi) e Pierpaolo Iaia (Taranto) sono stati premiati dal Presidente dei Giovani Matteo Colaninno, con una coppa ed una pergamena. Anche il progetto del Grande Salento, ha detto Colaninno nel corso della manifestazione, ha contribuito con idee innovative al successo di quello nazionale promosso dal Comitato Rapporti Interni dei Giovani Imprenditori che ha portato il Gruppo ad un incremento notevole in termini di numeri. All’Assise è intervenuto anche Luca Cordero di Montezemolo, che, quasi accomiatandosi, ha invitato i nostri giovani ad essere protagonisti del nostro Paese, incoraggiando tutti gli astanti a non rinunciare mai all’ambizione di migliorarlo, alimentando il cambiamento e diffondendo la cultura della meritocrazia, perché l’Italia ha bisogno di veri leaders per affrontare le sfide del prossimo futuro. “E’ motivo di grande soddisfazione aver ricevuto questo riconoscimento – ha affermato il presidente del Gruppo Giovani di Lecce Ennio Montinaro – poiché il progetto nasce dalla volontà di collaborare sia a livello di sistema, sia a livello di territori. Un esempio che, come illustrato anche dai miei colleghi presidenti, dovrebbe essere seguito dalle Istituzioni locali: il Grande Salento presenta diverse similitudini ed altrettante differenze che costituiscono un unicum straordinario nel panorama nazionale, dal punto di vista economico – produttivo, ma anche paesaggistico ed artistico – culturale. Dobbiamo avere la capacità di compiere scelte che lo valorizzino e consentano una crescita economica e sociale integrata ed al tempo stesso il potenziamento dell’attrattività territoriale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!