Grande Salento. Premio per giovani imprenditori

Consegnato a Roma il riconoscimento

Il progetto realizzato dai Giovani Imprenditori del Grande Salento è stato premiato a Roma, nell’Assise Generale dei Giovani Imprenditori di Confindustria, come migliore analisi di scenario di squadra e dare al movimento un ruolo politico ed istituzionale di cambiamento

E’ con questa motivazione che i Gruppi presieduti da Ennio Montinaro (Lecce), Paolo Ghelardoni (Brindisi) e Pierpaolo Iaia (Taranto) sono stati premiati dal Presidente dei Giovani Matteo Colaninno, con una coppa ed una pergamena. Anche il progetto del Grande Salento, ha detto Colaninno nel corso della manifestazione, ha contribuito con idee innovative al successo di quello nazionale promosso dal Comitato Rapporti Interni dei Giovani Imprenditori che ha portato il Gruppo ad un incremento notevole in termini di numeri. All’Assise è intervenuto anche Luca Cordero di Montezemolo, che, quasi accomiatandosi, ha invitato i nostri giovani ad essere protagonisti del nostro Paese, incoraggiando tutti gli astanti a non rinunciare mai all’ambizione di migliorarlo, alimentando il cambiamento e diffondendo la cultura della meritocrazia, perché l’Italia ha bisogno di veri leaders per affrontare le sfide del prossimo futuro. “E’ motivo di grande soddisfazione aver ricevuto questo riconoscimento – ha affermato il presidente del Gruppo Giovani di Lecce Ennio Montinaro – poiché il progetto nasce dalla volontà di collaborare sia a livello di sistema, sia a livello di territori. Un esempio che, come illustrato anche dai miei colleghi presidenti, dovrebbe essere seguito dalle Istituzioni locali: il Grande Salento presenta diverse similitudini ed altrettante differenze che costituiscono un unicum straordinario nel panorama nazionale, dal punto di vista economico – produttivo, ma anche paesaggistico ed artistico – culturale. Dobbiamo avere la capacità di compiere scelte che lo valorizzino e consentano una crescita economica e sociale integrata ed al tempo stesso il potenziamento dell’attrattività territoriale”.

Leave a Comment