Scambi di coppia. Nel giro gli insospettabili

Proseguono le indagini degli inquirenti; al momento senza ipotesi di reato

La denuncia della donna di Aradeo, che sarebbe stata costretta dal marito a praticare sesso con sconosciuti facenti parte di un ampio giro di scambi di coppia, pare abbia squarciato il velo di Maja. Nell'elenco di nomi fornito dalla casalinga compaiono identità salentine eccellenti

Ancora non circolano i nomi, ma solo le professioni ed i paesi di appartenenza. E tremano gli insospettabili. Perché del “giro” di scambi di coppia denunciato da una casalinga di Aradeo, costretta, a suo dire, dal marito ad entrare nel gruppo, avrebbero fatto parte professionisti, e professioniste. Alcuni di questi si sarebbero limitati a cercare sul web numeri da contattare per i successivi incontri, altri invece avrebbero fatto di più, ovvero avrebbero inserito in rete le proprie foto con tanto di prestazioni ed inviti più o meno espliciti. Al momento si sa, ad esempio, che tra i più assidui frequentatori dei siti internet per “scambisti” ci fossero un professionista di Copertino ed un ingegnere di Lecce. Ma la lista sarebbe molto lunga. La donna avrebbe fornito agli inquirenti anche i dettagli, come le identità dei membri del “giro”, le modalità di incontro, anche qualche foto che la ritraeva in pose porno-erotiche cui il marito l’avrebbe costretta. Pare, infatti, ma è ancora da verificare, che le sue prestazioni sessuali venissero ricompensate con prestazioni professionali da parte di un dentista, anche lui salentino. Ad ogni modo, al momento non ci sono ancora ipotesi di reato; gli investigatori dovranno infatti stabilire se qualcuno possa aver beneficiato delle pratiche sessuali offerte fino ad oltrepassare i confini del lecito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!