2008. Lecce ha un Piano traffico

L’anno del filobus

A Lecce l’anno nuovo si apre all’insegna di una rivoluzione in materia di traffico. L’assessore Ripa incentiva il progetto filobus

Check point turistico, divieto di entrare città per i bus extraurbani e per i mezzi pesanti, realizzazione di parcheggi di scambio e attivazione del filobus. Quello che si apre sarà l’anno della svolta per i leccesi vittime del traffico. Lo hanno annunciato Paolo Perrone e Giuseppe Ripa, rispettivamente sindaco ed assessore al Traffico del Comune di Lecce. Quelli enunciati sono infatti punti inderogabili del programma del 2008, per i quali l’esecutivo politico ed il personale tecnico stanno lavorando da tempo. Il primo obiettivo è, come ha fatto sapere Ripa, il divieto di ingresso in città per i mezzi pesanti. “Il tessuto urbano – ha spiegato l’assessore – non è nelle condizioni di sopportare un trend di traffico in costante aumento. Bisogna salvaguardare la salute di ognuno di noi sotto tutti i profili”. Un altro problema riguarda la totale mancanza di aree per la sosta. Per risolvere tale carenza sono già state individuate zone da attrezzare anche per incrementare i parcheggi di scambio. La novità più grande per Lecce sarà il filobus. “E’ una grande scommessa – sostiene Ripa – sicuramente quest’anno la metropolitana entrerà in funzione, forse prima dell’estate”. L’assessore mira in sostanza ad un concreto dialogo con i cittadini ed è per questo che è già stato programmato un incontro con negozianti ed esercenti per definire i programmi del 2008.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!