Carbonizzato nell'auto

Mistero ad Uggiano la Chiesa

La prima ipotesi presa in considerazione dagli inquirenti è stata quella di suicidio, ma non si escludono altre spiegazioni. Un pensionato di 61 anni ha perso la vita rimanendo carbonizzato all'interno della sua autovettura. Il ritrovamento sulla provinciale Cerfignano-Uggiano la Chiesa

A fare la sconcertante scoperta, ieri mattina, sono stati gli uomini della Guardia forestale: sulla strada provinciale tra Cerfignano a Uggiano la Chiesa, un’auto, una Fiat 500 nera, è avvolta dalle fiamme. E all’interno si intravede un corpo. Una telefonata ed arrivano ambulanza e vigili del fuoco. Per l’uomo non c’è già a da fare; il suo corpo è già carbonizzato; risulta difficoltoso addirittura risalire alla sua identità. Dalle ricerche degli agenti si viene a sapere che la vettura ormai distrutta è di proprietà di una giovane donna (28 anni) di Uggiano La Chiesa; quello potrebbe essere suo padre. E infatti si tratta di Giovanni Caggese, un pensionato di 61 anni, allontanatosi da casa per andare in campagna: così ha detto alla famiglia anche se il suo terreno si trova in direzione opposta rispetto al luogo del ritrovamento. Il mistero sulla natura del suo decesso resta fitto. La prima ipotesi presa in considerazione dagli inquirenti è stata quella di suicidio: il pensionato avrebbe cosparso l’auto di liquido infiammabile e poi vi sarebbe entrato con una sigaretta accesa in bocca. Ma questa resta solo un’ipotesi. Saranno necessarie altre ricostruzioni per avere notizie più dettagliate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!