Galatina. Emergenza ambulanze in ospedale

Sparisce la delibera che dispone l’acquisto di un nuovo mezzo

Sono almeno sette mesi che Galatina vive una grave emergenza: la mancanza di ambulanze in ospedale. Enzo Del Coco, consigliere delegato alla Sanità: “Non è tollerabile che si rischi la vita a causa delle lentezze burocratiche”

“La situazione delle ambulanze nell’ospedale di Galatina è estremamente grave”. E’ Enzo Del Coco, consigliere comunale delegato alla Sanità, a lanciare questo grido d’allarme il 5 ottobre scorso. Lo fa in una lettera a Rodolfo Rollo, commissario straordinario della Ausl Lecce. La denuncia è dettagliata e documentata e apparentemente ottiene l’effetto voluto. Il commissario, con l’avallo degli organi tecnici della Ausl, decide l’acquisto di un nuovo mezzo di soccorso. Fa approntare la delibera e sembra che il problema vada verso la soluzione. “Sono passati due mesi – dice oggi Del Coco – e di quella delibera si sono perse le tracce. Non c’è più tempo da perdere. Quel pezzo di carta deve venire fuori. Dobbiamo sapere subito su quale scrivania si è fermata. Chi ha la responsabilità di questo rallentamento deve prendersela tutta”. Dopo sette mesi – l’emergenza si avverte per la prima volta nel mese di aprile – al Pronto soccorso di Galatina l’emergenza ambulanze è rimasta tale, anzi si è aggravata. A dispetto anche di un’altra firma importante, quella di Franco Sanapo, direttore sanitario della Asl, che, in almeno tre riunioni indette per affrontare il grave problema, aveva ribadito la necessità di seguire una “procedura urgente” per l’acquisto di un nuovo mezzo da assegnare a Galatina. “Mi chiedo – conclude amaramente Del Coco – che cosa accadrebbe se gli interventi delle nostre ambulanze, per quanto mal ridotte siano, venissero fatti alla velocità con la quale viaggiano le carte su certe scrivanie”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!