Muore in Afghanistan un militare leccese

La rivendicazione dei talebani

Lascia moglie e figlia Daniele Paladini, militare di origine leccese ucciso in un attentato talebano in Afghanistan. Feriti altri uomini dell'Esercito

E’ deceduto a 35 anni, Daniele Paladini, militare originario di Lecce ma residente a Novi Ligure, di stanza nella Valle di Pagman, a circa 20 chilometri da Kabul. Ha lasciato la moglie, Alessandra Rizzo, di 39 anni, ed una figlia, Ilaria, di sei. Sabato scorso in Italia erano le 6.22. In Afghanistan le 9.52. Un uomo si è fatto esplodere davanti ad un ponte che si stava inaugurando. Paladini, maresciallo capo dell'Esercito, era infatti impiegato nel secondo reggimento pontieri di Piacenza che, da mesi, si stava occupando della costruzione di infrastrutture nel Paese. L’attentato, rivendicato dai talebani, era destinato a mietere vittime tra gli italiani. Oltre a Paladini, tragicamente deceduto, sono rimasti feriti il capitano Salvatore Di Bartolo, il capitano Stefano Ferrari, il caporale maggiore scelto Andrea Bariani. La famiglia del militare ucciso, intanto, ringrazia l’Esercito italiano per l’appoggio che sta riservando ai parenti dell’uomo, e tutta la gente che in queste ore ha fatto sentire il proprio calore e la propria solidarietà.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!