Muore in Afghanistan un militare leccese

La rivendicazione dei talebani

Lascia moglie e figlia Daniele Paladini, militare di origine leccese ucciso in un attentato talebano in Afghanistan. Feriti altri uomini dell'Esercito

E’ deceduto a 35 anni, Daniele Paladini, militare originario di Lecce ma residente a Novi Ligure, di stanza nella Valle di Pagman, a circa 20 chilometri da Kabul. Ha lasciato la moglie, Alessandra Rizzo, di 39 anni, ed una figlia, Ilaria, di sei. Sabato scorso in Italia erano le 6.22. In Afghanistan le 9.52. Un uomo si è fatto esplodere davanti ad un ponte che si stava inaugurando. Paladini, maresciallo capo dell'Esercito, era infatti impiegato nel secondo reggimento pontieri di Piacenza che, da mesi, si stava occupando della costruzione di infrastrutture nel Paese. L’attentato, rivendicato dai talebani, era destinato a mietere vittime tra gli italiani. Oltre a Paladini, tragicamente deceduto, sono rimasti feriti il capitano Salvatore Di Bartolo, il capitano Stefano Ferrari, il caporale maggiore scelto Andrea Bariani. La famiglia del militare ucciso, intanto, ringrazia l’Esercito italiano per l’appoggio che sta riservando ai parenti dell’uomo, e tutta la gente che in queste ore ha fatto sentire il proprio calore e la propria solidarietà.

Leave a Comment