Lecce. Festa degli Alberi 2007

Nuove piante in città

La “Festa dell' albero” è una delle più antiche cerimonie nate in ambito forestale e rappresenta la celebrazione che meglio dimostra come il culto ed il rispetto dell'albero affermino il progresso civile, sociale, ecologico ed economico di un popolo

La legge n. 113 del 29.01.92 obbliga ogni Comune alla messa a dimora di un albero per ogni neonato a seguito della registrazione anagrafica. Legge civilissima che però non ha trovato, per la cronica mancanza di fondi, un'adeguata applicazione nel nostro Paese. Un giorno per richiamare l’attenzione sull’importanza, per l’uomo e per l’ambiente, di boschi e foreste, sul loro fondamentale ruolo di polmone verde per la Terra, per respirare meglio e per combattere i cambiamenti climatici, riducendo la quantità di gas serra, avremo più verde dove poter giocare, riposare e ridisegnare città vivibili. Quest’oggi la IV Circoscrizione organizza nel proprio quartiere la “Festa dell’Albero 2007” con la messa a dimora di nuove piante. Il programma da svolgersi la Scuola dell’Infanzia di Via Estrafallaces facente parte della Direzione Didattica del 3° Circolo “A. Diaz”, oltre a prevedere la piantumazione di nuove essenze arboree intende coinvolgere bambini, genitori e docenti in attività ludiche sul tema dell’importanza degli alberi e del rispetto della natura. Il programma prevede una parte didattica svolta dalle insegnanti del 3° Circolo “A. Diaz”, poi alle ore 10,00 verranno benedetti gli alberi e piantate essenze arboree di diversa specie. Inoltre, riferisce il Presidente Carmelo Isola, di concerto con gli Assessorati all’Urbanistica ed al Patrimonio si stanno individuando alcune aree comunali, situate nel quartiere, chiamate relitti, presso le quali impiantare nuovi alberi. E’ intenzione del mio Consiglio riproporre la “Festa degli Alberi” anche nei prossimi anni con l’obiettivo di piantare un albero per ogni nuovo nato e residente nella Circoscrizione nel pieno rispetto della legge n. 113 del 29.01.92.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!