Laforgia, quasi rettore

Quattro si ritirano. Corre da solo

Cronaca di una vittoria annunciata. Domenico Laforgia non è stato eletto ieri rettore dell'Ateneo salentino per soli quattro voti. Ma, dato l'eccessivo distacco, gli altri candidati si sono fatti da parte. Per oggi la sua incoronazione è scontata

Alle ore 17, quando le urne si sono chiuse e si è dato il via allo spoglio, solo due schede separavano Domenico Laforgia, preside di Ingegneria, dalla carica di rettore. Contesa con Orazio Bianco, ordinario di Lingua e Letteratura latina, Alfredo Castellano, docente di Fisica, Antonio Fino, docente di Storia contemporanea, e Marcello Strazzeri, preside di Scienze sociali, politiche e del territorio. Due voti soltanto perché per essere nominato ufficialmente, dal momento che i votanti erano stati in tutto 905, gli sarebbe bastato accaparrarsi 454 preferenze; le sue 452 non sono state, dunque, sufficienti. Contestazioni e richiesta di verifica hanno rimesso le carte in tavola. Si è proceduto ad un nuovo conteggio. Dopo il nuovo spoglio, la situazione non è cambiata. Laforgia è costretto ad aspettare il nuovo voto di oggi per esultare. Ma la situazione non lascia prevedere sorprese. Anche perché ora Laforgia è candidato unico. Gli altri quattro si sono fatti da parte per l’eccessivo distacco che li separava da lui. Ecco la situazione che si è delineata al termine dello secondo spoglio: su 909 votanti totali, Orazio Bianco ha ottenuto 29 voti; Alfredo Castellano 39; Antonio Fino 156; Domenico Laforgia 452; Marcello Strazzeri 194. Le schede bianche sono state 27, le e 12.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!