Lecce. Ferme le centraline anti-smog

Si attende il bando di gara

Sono bloccate, ormai da cinque mesi, le centraline che misurano i livelli di smog nell’aria della città di Lecce. Palazzo Carafa assicura che presto saranno riaccese

Sono sparite per ben cinque mesi le quattro centraline di monitoraggio smog dell’aria a Lecce. Gianni Garrisi, assessore alle Politiche ambientali assicura che saranno riaccese tra poco. Per farlo si aspetta solo il bando di gara che a quanto pare sarà messo a punto tra pochi giorni. Le centraline interessate si trovano in piazzetta De Santis, viale Grassi, quartiere Santa Rosa e Settelacquare e sembrano essersi spente dallo scorso aprile. Il motivo? Sembra che il Comune non avesse più abbastanza soldi per la manutenzione. La città è dunque rimasta senza controllo inquinamento e Palazzo Carafa ha così evitato il problema del chiudere o meno il centro al traffico in seguito agli alti livelli di polveri sottili (Pm10). Infatti, per legge, dopo tre sfioramenti di soglia massima di smog, l’amministrazione deve chiudere il centro alla circolazione e adottare provvedimenti per ridurre i livelli di inquinamento. L’ufficio legale si è messo a lavoro per pubblicare nei prossimi giorni il bando di gara per la manutenzione. L’importo della gara sarà di 150mila euro per una gestione di tre anni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!