Una pistola nei fondali

Mistero a Porto Cesareo

I carabinieri stanno indagando per ricostruire la dinamica dei fatti e per scoprire chi possa aver gettato in acqua, e perché, una pistola con matricola abrasa. Il ritrovamento è stato opera di un sub di Velletri in vacanza a Torre Chianca

Potrebbe essere stata gettata in mare qualche tempo fa, ma saranno le indagini dei carabinieri a fare chiarezza su questo particolare e su altri interrogativi che sono sorti attorni all’inusuale ritrovamento: una pistola, rinvenuta al largo di Porto Cesareo, in località Torre Chianca, per l’esattezza un revolver a tamburo a cinque colpi calibro nove scarico e con matricola abrasa. Autore della scoperta un sub di 28 anni di Velletri in vacanza nel Salento. Sulla pistola, in parte rotta, si legge la scritta “The Union Metallic Cartridge Central This Revolver”. Nome di una casa di produzione di armi di origine americana. Infine, sull’impugnatura vi è la riproduzione di una stella ad otto punte con la testa di cane, raffigurazione che può essere interpretata in un doppio modo: o come antico riferimento a Venere, stella del mattino, o, nel linguaggio esoterico, come simbolo alchemico dei punti cardinali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!