Sconti sull'Ici a Palazzo Carafa

Continuano le indagini

Ancora indagini sugli sconti Ici concessi da un ragioniere di Palazzo Carafa in privilegio ad assessori e vari uomini tra i potenti della città. La Guardia di Finanza sequestra centinaia di pratiche dell’ufficio Tributi

Le Fiamme Gialle continuano l’inchiesta sugli sconti Ici che ha già visto coinvolto un funzionario e molte imprese edili. Varie centinaia di documenti e atti sono stati sequestrati ieri mattina dall’ufficio Tributi del Comune di Lecce. Questi riguardano gli anni tra il 2004 e il 2007 e comprendono le istanze di accoglimento di pretesa tributaria da parte dell’ufficio. Il pm Imerio Tramis probabilmente vorrà estendere le indagini anche alle proprietà dei privati, case e negozi, che hanno ottenuto gli sconti. L’inchiesta dunque potrebbe riguardare anche cittadini che possiedono terreni e appartamenti, commercianti e artigiani con proprietà di un determinato valore. Ora si sta cercando di capire se commercianti e privati abbiano seguito lo stesso orientamento per ottenere le facilitazioni. I termini di paragone da tenere in considerazione sono quelli della commissione tecnica che ha stabilito gli importi da versare nelle casse comunali. Bisognerà perciò accertare se se i versamenti sono stati effettuati ed in che termini e soprattutto a chi e perché sono stati concessi gli sconti. Si attende la perizia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!