Sconti sull’Ici a Palazzo Carafa

Continua l’inchiesta

Ancora indagini sugli sconti Ici concessi da un ragioniere di Palazzo Carafa in privilegio ad assessori e vari uomini tra i potenti della città. Alla Guardia di Finanza il compito di individuare le società coinvolte

Dovrebbe estendersi l’elenco degli indagati per gli sconti Ici con nuovi nomi di amministratori delegati coinvolti nella truffa di Palazzo Carafa. Il pm Tramis infatti ha dato il via all’identificazione di tali personaggi al fine di contestare loro l’ipotesi di reato di truffa. Tale reato è indagato in concorso con il ragioniere di Palazzo Carafa Giuseppe Tondo, colui che avrebbe concesso gli sconti Ici. Per lui si è parlato di abuso d’ufficio ed in effetti in alcuni casi non sono stati trovati neppure gli atti che giustifichino l’anamento per gli avvisi di accertamento. Secondo la Guardia di Finanza molte sono le società indagate che avrebbero ottenuto gli sconti Ici almeno a partire dall’anno 2000. L’indagine comunque si sta allargando in particolare ad alcune aziende, tenendo conto dei dati acquisiti dal catasto sull’estensione di terreni e sui parametri di riferimento stabiliti da una commissione comunale di tecnici. Si attendono nuovi sviluppi dell’inchiesta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!