Montinari: “Caso Lupiae. Siamo stati profeti”

L'intervento del presidente

I problemi della Lupiae servizi vanno affrontati con strumenti idonei che salvaguardino i lavoratori. Lo afferma Piero Montinari, numero uno di Confindustria Lecce

di Piero Montinari* Siamo stati facili profeti nel dicembre 2006, allorquando denunciammo il fenomeno della proliferazione delle società miste, che per troppi anni hanno goduto di indebite rendite di posizione a discapito della qualità dei servizi offerti ai cittadini, dei costi connessi e del principio della concorrenza. Confindustria Lecce rigetta il ricatto occupazionale delle organizzazioni sindacali, che offrono risposte sbagliate ad un problema reale. Non è violando le leggi del mercato e della libera concorrenza o il principio del minor costo a carico del cittadino, che la pubblica amministrazione può impostare la sua azione a salvaguardia dei livelli occupazionali. Vogliono forse le organizzazioni sindacali che vengano licenziati i lavoratori specializzati di quelle imprese private, che operano in modo concorrenziale sul mercato e che si vedono, in maniera crescente, sottrarre opportunità di lavoro, per affidarle alla ‘politica’ che vuole fare l’imprenditore con i soldi dei cittadini? Non è questo il suo compito ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Se c’è un problema sociale questo va affrontato con misure e strumenti coerenti e non, invece, violando le regole del mercato, della libera concorrenza e dell’efficacia e dell’efficienza della pubblica amministrazione. Il maggior costo lo pagano i cittadini. Le conseguenze continueranno a pagarle i nostri dipendenti. La Lupiae Servizi pur operando in un mercato ‘riservato’, non ha fatto altro che produrre debiti su debiti, incurante delle più elementari norme di gestione che sottendono qualunque attività economica, in primis quella di chiudere il proprio bilancio in pareggio, se non in attivo, onde evitare di chiudere. La Lupiae Servizi, al contrario di quanto accade alle tante imprese che devono misurarsi ogni giorno con i rischi del mercato, non chiude, perché il suo deficit di bilancio verrà ripianato, causando un’ennesima beffa per i cittadini-utenti, per le altre aziende e, più in generale, per il mercato. Il Comune – proprietario scaricherà il costo sui cittadini che pagheranno servizi non adeguati a prezzi esorbitanti. La recita si ripete. Stando alle dichiarazioni apparse sui media da parte delle organizzazioni sindacali, in nome della salvaguardia dell’occupazione, si preferisce ancora una volta una Lupiae Servizi inefficiente ed inefficace. Inefficienza ed inefficacia, che non solo stridono col concetto sancito costituzionalmente di efficienza ed efficacia cui deve conformarsi l’azione amministrativa, ma anche offendono le imprese che si confrontano in un mercato concorrenziale, pagando gli eventuali insuccessi. Viene da chiedersi, inoltre, perché ci devono essere lavoratori ‘protetti’, immuni da possibili licenziamenti, al contrario di quei lavoratori che, unitamente con gli imprenditori, rischiano di dover tornare sul mercato in cerca di nuove occasioni di lavoro. L’esperienza della Lupiae, così come delle altre società di enti locali, deve indurre a delle riflessioni prive di qualunque valenza ideologica, e proiettate, invece, ad un puntuale esame della valenza economica di tali strutture societarie nel rispetto delle regole del mercato. Solo a queste condizioni si può immaginare di risanare l’azienda; diversamente si rischia di continuare a sottrarre risorse ai cittadini, con un monopolio che mortifica il mercato e perpetua i meccanismi perversi di uno statalismo strisciante a livello territoriale. *presidente Confindustria Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!