“Volontari e Wwf del Conapo. Sono pronto a mediare”

La proposta di mediazione di Buccoliero

L’emergenza incendi quest’anno ha arrecato danni non solo all’ambiente ma alle persone. Sono state molte le vittime, che le polemiche non riporteranno in vita. Antonio Buccoliero, consigliere regionale Udeur, si propone come mediatore tra volontari e Wwf

di Antonio Buccoliero* La contrapposizione tra volontari della Protezione Civile e Vigili del Fuoco del Conapo, in merito al continuo allarme incendi di questa stagione, non aiuta ad affrontare e risolvere un problema, che rischia di diventare cronico con grave danno del territorio e dei suoi abitanti. Il cuore del problema non è il litigio tra volontari e Vigili del Fuoco, ma un’emergenza che quest’anno, oltre a distruggere centinaia di ettari di boschi, ha ucciso delle persone, colpendo al cuore un intero territorio. Conosco entrambi i soggetti in causa per poter dire che il litigio e la polemica non servono a a, se non a perdere di vista la possibilità di realizzare un assetto organizzativo, che permetta di affrontare con tempestività e nel rispetto di uomini e mezzi le emergenze incendi. Per questa ragione, mi propongo, sin da subito, come mediatore tra le parti, perché questo momento di contrapposizione e di tensione, diventi una fattiva occasione di incontro, di confronto e di crescita per tutti. L’obiettivo comune é di lavorare, in maniera sinergica, alla costituzione di un organismo che veda insieme Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato e volontari, così da fare tesoro degli eventuali errori oggi commessi, costituendo dei piani di intervento efficaci. Sono certo che da quanti sono in prima linea nel difendere la comunità arriverà una risposta positiva, perché si favorisca il dialogo ed il bene reale del territorio e dei suoi abitanti. * consigliere regionale dell’Udeur e vicepresidente della VII Commissione, Affari istituzionali

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!