Anniversario della prima esplorazione del Cocito di Castro Marina

Parte la manifestazione celebrativa

Si svolgerà domani la commemorazione del cinquantenario della prima esplorazione del Cocito. Presenti anche i protagonisti della spedizione

Mercoledì 25 luglio 2007, alle ore 19:00, presso l’entrata della grotta Zinzulusa in Castro Marina (Le), si terrà una manifestazione celebrativa per il cinquantesimo anniversario della prima esplorazione del lago ipogeo Cocito, all’interno della grotta Zinzulusa. Saranno presenti alcuni protagonisti della spedizione, considerati veri e propri pionieri della speleosubacquea. Inoltre, saranno illustrate al pubblico la storia e le vicende delle esplorazioni del Cocito. Ad organizzarla è il Gruppo Speleologico Salentino “P. de Lorentiis”, Ente Morale di Maglie. Il Presidente Nini Ciccarese spiega: “Il 25 luglio 1957, Carlo Cosma, Raffaele Congedo, Nino Sammartino e Samuele Ciocca, speleologi del Gruppo Speleologico Salentino “P. de Lorentiis”, guidati dal Prof. Pietro Parenzan, del Centro Speleologico Meridionale e dal Prof. Decio de Lorentiis, del Gruppo Speleologico Salentino, s'immersero, esplorarono e topografarono il “Cocito”, remoto laghetto in grotta Zinzulusa (Castro, Le), prosecuzione subacquea dell'imponente cavità carsica. Fu quello uno dei primissimi passi della Speleosubacquea in Italia: una esplorazione verso l'ignoto condotta da temerari, affiancati da illuminati specialisti. Facevano parte della spedizione: Vittorio Sticchi (responsabile della logistica), Prof. Mario Moscardino (Presidente del G.S.S. e Responsabile del C.S.M – Le), Ing.Alessandro Bortone, Prof. Enzo Starace, LeonardoAlvino, Antonio Ferrari, Mirella Caporaletti. Fornirono un prezioso supporto alla spedizione anche la Sezione Provinciale dei Vigili del Fuoco di Lecce, il Comiliter di Napoli e la Sezione di Artiglieria – Taranto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!