Emergenza rifiuti a Poggiardo

Parte la biciclettata ecologica

È ancora emergenza rifiuti a Poggiardo. Il movimento “emergenza rifiuti” invita ad una “biciclettata ecologica” come forma di protesta

A Poggiardo l’impianto di biostabilizzazione ubicato presso la ex discarica non riesce più a ridurre il quantitativo di prodotto finale provocando forti danni ambientali e funge di fatto da stoccaggio provvisorio di rifiuti. Il movimento “emergenza rifiuti”, con sede presso l’oratorio di Poggiardo, ritiene tale impianto inutile, dannoso e costoso. In effetti tale impianto non biostabilizza i rifiuti ma è diventato solo un centro di stoccaggio, ed in più gli enormi e inutili costi di gestione ricadono esclusivamente sui cittadini dell’Ambito Territoriale Le/2. Per questo, secondo il movimento, occorre che tutta la cittadinanza venga mobilitata affinché si possa nel più breve tempo possibile chiudere l’impianto per evitare l’aumento dei biotunnel e impedire l’attivazione di nuove discariche a Poggiardo. Il Movimento ha inviato in data 26 giugno una lettera al Presidente della Regione Puglia, al Presidente della Provincia, all’ATO Le/2 ed al Comune di Poggiardo, affinché, nell’interesse dei cittadini e del territorio, mettano in essere ogni utile iniziativa per il raggiungimento di questi obiettivi. Inoltre è stato richiesto un incontro, in data 30 giugno, con il Presidente dell’ATO ed il Sindaco di Poggiardo per approfondire i motivi della protesta da riportare nell’incontro che si terrà presso la Prefettura. La biciclettata si svolgerà sabato 14 luglio, con partenza alle ore 17,30 da Piazza Umberto I°, raggiungendo la ex discarica e giungendo infine in piazza Giovanni Paolo II° verso le ore 20,00 dove avrà luogo un’assemblea pubblica per dibattere sul tema.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!