Tanto reggae a Supersano

Con gli Africa Unite e Radici nel cemento

Martedì 31 luglio alle ore 22.00 a Supersano in piazza Magli (INGRESSO GRATUITO) si terrà il concerto degli “Africa Unite” e a seguire “Radici nel cemento”, nell'ambito della seconda edizione del “music e beer free reggae”, organizzato dall’associazione “arte per l’arte” onlus”. Dopo il concerto di Ziggy Marley a San Donato di Lecce un'altro appuntamento da non perdere con la musica giamaicana

Si attende una folla variegata, in piazza a Supersano: certamente tantissimi giovani pronti a ballare e divertirsi tutta la notte, ma non mancano i cultori del genere reggae di età più matura, conquistati dal concerto dello scorso anno. AFRICA UNITE: nascono nell'81, anno della morte di Bob Marley, a Pinerolo, dall'incontro di Vitale Bonino e Franco Caudullo, che diverranno poi più noti con i nomi di Bunna e Madaski. La scelta del nome del futuro gruppo ricade inevitabilmente su una delle più rappresentative canzoni del maestro del reggae: “Africa Unite”, anche se nei primi tempi il nome ufficiale è Africa United. La prima formazione vede Bunna alla voce e alla chitarra, Madaski al basso e Marcello Tamietti alla batteria. Nel 1986 esce il primo mini album della band, intitolato “Mjekrari”: l'impronta del reggae è indubbia e i testi rimangono inglesi, così come accadrà nel successivo “Llaka”, del 1988. La loro fama cresce e diventano presto un punto di riferimento importante per la scena reggae italiana. Il terzo album, “People Pie”, è un passo decisivo della storia degli Africa: alle percussioni arriva Papa Nico, ai fiati si impone Paolo Parpaglione, mentre alla chitarra si insedia Max Casacci; in seguito si inseriranno nella line-up Gianluca “Cato” Senatore al basso e Davide Graziano alla batteria. Nel 1993, la svolta: con “Babilonia e poesia” si abbandona infatti la lingua inglese e si inizia a cantare in italiano, scelta decisamente premiata dal pubblico, che apprezza e decreta il successo dei successivi album, “Un sole che brucia” e il live “In diretta dal sole”. Al termine della registrazione dell'album dal vivo Max Casacci lascia per fondare i Subsonica e viene sostituito da Ru Catania, mentre più avanti, a rimpinguare la truppa, si segnala l'arrivo del trombonista Gigi De Gasperi, proveniente dal gruppo ska Vallanzaska. Il gruppo continua a sfornare album caldi e convincenti: “Il gioco” e “Vibra”, prima di “20” disco tributo a Bob Marley nel ventennale della sua morte e, parallelamente, anniversario del più longevo gruppo reggae italiano. La formazione: Bunna (voce, chitarra); Madaski (voce, tastiere); Ru Catania (chitarra); Gianluca “Cato” Senatore (basso); Davide Graziano (batteria); Papa Nico (percussioni); Gigi De Gasperi (trombone); Paolo Parpagliole (sax). RADICI NEL CEMENTO: metafora della tradizione e della memoria storica in una società, come la nostra, che dimentica troppo in fretta il suo passato: Come quei grossi alberi ai lati delle strade …sembrano soffocati dall’ asfalto, invece riescono a sviluppare le radici da cui traggono nutrimento fino al punto di incrinare, crepare e spaccare il cemento. Così il mondo occidentale deve esercitare la capacità di ricordare ed di imparare dal passato, suo e di culture “altre”, se vuole risolvere i problemi e le contraddizioni generati dal suo rapido sviluppo. Non per rimanere legati al vecchio, ma piuttosto per capire in che modo affrontare il futuro: infatti …piu’ in profondità scavano le radici, piu’ in alto arriveranno i rami. Il gruppo nasce nel 1993 , nella zona del litorale romano, col nome di Roots In Concrete, l’ ispirazione è il roots – reggae, con marcate venature dub ed alcune aperture verso ritmi piu’ veloci, come il rocksteady e lo ska. Nel maggio del 1995, assunta una formazione stabile e tradotto il nome in RADICI NEL CEMENTO, inizia l'attività “live”, soprattutto a Roma e dintorni. Nel 1996 esce il disco d’esordio, omonimo, prodotto dalla Gridalo Forte Records, caratterizzato da un forte impegno sociale e da un sound reggae molto contaminato. Segue un tour italiano, con alcuni episodi europei (Francia, Spagna, Svizzera). Nel 2001 esce ALLA ROVESCIA, terza prova del gruppo, dallo stile piu’ variegato rispetto ai precedenti lavori e ricco di importanti collaborazioni, tra le quali spiccano i nomi di ROY PACI e MADASKI. Da ALLA ROVESCIA, vengono tratti 3 videoclip: ALLA ROVESCIA , PAPPA E CICCIA ed ECHELON. La formazione: Adriano Bono, Giorgio Spriano, Giulio Ferrante, Christian Simone, Vincenzo Caristia, Leonardo Bono.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!