Le origini di Casarano sul muro di casa mia

L’epigrafe di Musico costituisce una preziosa testimonianza sulle origini storiche di Casarano

Tra la documentazione relativa al periodo dell’età romana nel Salento, la stele dedicata a Musico, ubicata presso un’abitazione di via Tevere, rivela tracce di una società multietnica

Due sono i documenti della memoria collettiva da cui partire per ricostruire la storia del primitivo abitato di Casarano, il casale di origine romano-imperiale nel quale sono state rinvenute le testimonianze più antiche: la lapide funeraria probabilmente appartenuta a un membro dei Vibuleio (importante famiglia attestata anche nel municipio di Gallipoli) e quella dedicata a Musico, ambedue del I sec.d.C. La prima, una lastra marmorea frammentaria ritrovata sotto la navata sinistra della Chiesa di S.M. della Croce durante i lavori effettuati dalla Sovrintendenza regionale (1972), dopo essere stata in deposito presso l’Ist. di Archeologia dell’Univ.di Lecce, pare sia conservata presso la stessa Sovrintendenza.Particolarmente interessante l’altra epigrafe funeraria, in pietra locale decorata con un coronamento a motivi concentrici (cm. 0,75 x 0,32), oggi gelosamente custodita all’interno di un’abitazione privata in via Tevere, incastonata nella muratura di un locale rustico . Nel testo latino della stele, oggetto di studi specialistici (Mommsen, Susini,Pagliara, Pisano’), sono incisi i nomi dei genitori di Musico, prematuramente scomparso: il padre di origine ebraica Laevius e la madre di origine greca Cale. Una compresenza etnica che, ancora una volta,rinforza i legami tra la penisola salentina e il mondo orientale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!