Dieci grammi di eroina nel camino

Arriva in Salento il tipo “caramellato” di eroina

Dopo un’accurata ispezione nella sua abitazione, i carabinieri hanno rinvenuto circa dieci grammi di sostanza stupefacente e 4mila e 340 euro, probabile provento dell’attività illecita di spaccio. Finisce in manette Andrea Santese di Maglie

Era nel mirino dei carabinieri già da un po’ di tempo. Ma solo ieri è arrivata la conferma che Andrea Santese, 30enne di Maglie, già noto alle forze dell’ordine, fosse fra gli spacciatori di eroina della città. Si tratta, nello specifico, di un tipo relativamente nuovo di stupefacente, particolarmente rischioso per il cervello: le forze dell’ordine l’hanno rinvenuto nell’abitazione dell’uomo. I controlli in casa sono stati particolarmente accurati, e infatti l’eroina, di tipo “caramellato”, è saltata fuori dopo l’ispezione del camino. Nella fessura della chiusura metallica del focolare i militari hanno rinvenuto due involucri contenenti 9,4 grammi di sostanza. Santese, che risulta disoccupato, aveva con sé 4mila e 340 euro, somma probabilmente accumulata grazie all’attività di spaccio. I soldi sono stati sequestrati insieme alla droga e ad un bilancino digitale di precisione e a 75 grammi di mannite, una fra le sostanze che vengono impiegate per tagliare l’eroina (uno zucchero usato di solito come eccipiente delle compresse farmaceutiche che si assumono per via orale).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!