Il governo del territorio. Le strategie della Regione

Resoconto dell’incontro in Provincia

L’innovazione di metodi e strumenti di pianificazione territoriale richiede una dovuta attenzione alla promozione di una nuova cultura del territorio e quindi una attività formativa mirata. Concordano sulle strategie di sviluppo della Puglia i rappresentanti delle istituzioni

“Regione Puglia: strategie e modelli di governo del territorio”. E’ stato questo il tema di un convegno tenutosi giovedì pomeriggio nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini. L’evento, promosso dall’assessorato all’Assetto del Territorio della Regione Puglia in collaborazione con la Provincia di Lecce, che fa seguito a quello dello scorso mese di Bari e dedicato al territorio nord della Puglia, ha chiamato a raccolta i rappresentanti delle Province e dei Comuni di Lecce, Brindisi e Taranto, e gli ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti. L’obiettivo: comunicare e diffondere politiche, strategie e interventi di governo del territorio in un ottica di sviluppo condiviso e sostenibile. Alla giornata di studio, aperta da Maria Rosaria Manieri, assessore alla Gestione Territoriale della Provincia di Lecce, hanno fatto seguito gli interventi di Angela Barbanente, assessore regionale all’Assetto del Territorio, Bruno Carapella, in rappresentanza della ditta partner del progetto RSO, Pietro Cavalcoli, dirigente regionale del settore Assetto del Territorio, Dino Borri, direttore del dipartimento di architettura e urbanistica del Politecnico di Bari e Paolo Stefanelli, presidente del consiglio nazionale degli ingegneri. “Uno degli obiettivi che stiamo perseguendo come Regione Puglia con particolare impegno – ha dichiarato Barbanente – è rappresentato dalla promozione di uno sviluppo equilibrato e sostenibile dei territori fondato sulla cooperazione tra istituzioni e soggetti pubblici e privati”. Alla realizzazione di tale obiettivo concorre il progetto di assistenza tecnica e formazione Plan&Co Reti e percorsi per la co-pianificazione del territorio, finanziato sul POR Puglia 200-2006. Questo progetto – ha continuato – è finalizzato a favorire il processo di integrazione delle politiche territoriali attraverso la realizzazione e la facilitazione di processi di comunicazione e cooperazione tra soggetti istituzionali e professionali e, contestualmente, il rafforzamento delle competenze in materia di co-pianificazione territoriale. L’appuntamento di Lecce – ha concluso Barbanente – rappresenta un momento di riflessione e condivisione che l’amministrazione regionale sta promovendo in modo sinergico tra diversi livelli istituzionali.: ed il progetto Plan&Co è una prima occasione offerta dalla Regione Puglia a professionisti, interni ed esterni della pubblica amministrazione, di approfondimento dei nuovi metodi e strumenti di pianificazione territoriale”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!