Casciaro: “Casarano-Tricase” zone franche

Si chiedono azioni forti e decise

Entro martedì la Regione dovrà avanzare le candidature. Claudio Casciaro, consigliere provinciale e presidente della Margherita casaranese, propone il comprensorio di Casarano-Tricase, uno dei poli più importanti del Tac

Un tavolo di concertazione per lanciare la candidatura del comprensorio Casarano-Tricase per una delle zone franche urbane della Puglia. La proposta parte dal consigliere provinciale, nonché presidente della Margherita casaranese, Claudio Casciaro, che invita i sindaci del comprensorio ad attivarsi. “Personalmente ritengo la zona franca urbana uno strumento importante – spiega l’esponente diellino in una nota – perché emerge forte un cambiamento di rotta significativa rispetto alla 488” che non avrebbe prodotto “i risultati per cui era usata”. Le zone franche, invece, secondo Casciaro, “si caratterizzano per la fiscalità di vantaggio e il credito d’imposta che risultano strumenti più incisivi ed un’occasione importante di sviluppo per la Puglia ed il Mezzogiorno. Uno strumento interessante – prosegue il consigliere provinciale – per gli imprenditori che vogliono effettivamente investire nel nostro territorio. Ritengo che escludere il Salento da questo importante strumento sia penalizzante ed ingiusto – afferma il presidente della Margherita –; ritengo che questi benefici devono necessariamente essere estesi ad altre aree”. Casciaro ritiene che il comprensorio di Casarano-Tricase, “uno dei poli più importanti del Tac, debba rivestire una priorità nell’agenda del governo”, perché vive una grave crisi, “che in questi ultimi anni ha visto purtroppo la chiusura di numerose aziende con una perdita di migliaia di posti di lavoro, con tutte le complicanze di ordine sociale ed economico che ciò comporta”. Pertanto, dovrebbe partire un’azione “forte e decisa” che coinvolga tutte le componenti sociali affinché “vi sia l’inserimento del nostro territorio tra le zone franche”. Le regioni, però, hanno tempo solo fino a martedì prossimo per avanzare le candidature.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!