Italgest : ritiriamo il progetto di agroenergie da Collepasso

Paride De Masi interviene per eliminare ogni possibilità di speculazione

“Rimane il rammarico”, dichiara De Masi, “di atteggiamenti che a hanno a che vedere con la qualità dei progetti, né con la salute dei cittadini”

Con riferimento ai fatti accaduti nello scorso week-end nel Comune di Collepasso, Paride De Masi, Presidente di Italgest Energia, interviene per eliminare ogni possibilità di speculazione rispetto al progetto della centrale ad olii vegetali presentata per l’approvazione agli enti preposti. “Ho informato della decisione”, afferma De Masi, “ Sua Eccellenza il Prefetto di Lecce, Gianfranco Casilli ed il Sindaco di Collepasso, Vito Perrone, che ritirerò la richiesta di autorizzazione in quanto non intendo creare nessun tipo di problema nei rapporti interni all’Amministrazione Comunale, né alla cittadina nel suo insieme”. De Masi, all’estero per motivi di lavoro, ha convocato per il giorno 4 maggio il Consiglio di Amministrazione di Italgest Energia, al fine di far ratificare questa scelta irrevocabile da parte dei consiglieri della stessa società. “Rimane il rammarico”, dichiara De Masi, “di atteggiamenti che a hanno a che vedere con la qualità dei progetti, né con la salute dei cittadini. Nessuna valenza pare abbiano avuto gli incontri con la cittadinanza di Collepasso insieme a scienziati dell’Enea, di Medicina Sociale, a professori dell’Università di Lecce e ad associazioni ambientaliste che hanno confermato la qualità degli interventi e l’assoluta non pericolosità dell’impianto. Il Salento ha davanti a sé un futuro importante legato alle fonti rinnovabili. O le Amministrazioni Comunali avranno atteggiamenti meno superficiali rispetto ad opportunità di questo tipo o rischieremo, di perdere ancora una volta l’occasione unica che insieme al turismo può fare della nostra terra una tra le più fortunate e avvantaggiate rispetto ad altre aree europee in chiave di sviluppo sostenibile e di qualità della vita”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!