Poli: “Antidoping per tutti”

La coordinatrice di An accoglie la proposta del ministro degli Interni

“Sia fatto un antidoping sui ragazzi all’uscita dalle discoteche ed a scuola dopo le interrogazioni. Ma non solo: anche prima dell’accesso alla carriera”. Adriana Poli Bortone, coordinatrice pugliese di An, appoggia la proposta di Giuliano Amato, ministro degli Interni

“Ferma restando ormai la totale schizofrenia del governo sul tema droga, la proposta-provocazione di Amato ha certamente un suo fondamento in rapporto ai dati allarmanti sulla diffusione di droghe e alcool anche fra i giovanissimi”. Così Adriana Poli Bortone, coordinatrice di Alleanza nazionale in Puglia, accoglie la proposta lanciata da Giuliano Amato, ministro degli Interni, di fare ricorso all’antidoping sui ragazzi all’uscita dalle discoteche ed a scuola dopo le interrogazioni. “Me la sentirei di proporre un piano a termine, quinquennale, con controlli antidoping, ma con un contestuale investimento da parte del governo in corsi e attività di educazione alla salute ed ai comportamenti responsabili. È evidente comunque – continua Poli Bortone – che non possiamo criminalizzare i giovani, rei di aver ricevuto una società priva di valori e ricca di disvalori ed è per questo che l’antidoping dovrebbe esser fatto su tutti coloro che rivestono ruoli di responsabilità, dagli educatori ai politici non solo sui giovani. Un tempo si doveva produrre un certificato di sana e robusta costituzione. Oggi, sostenere un esame antidoping sarebbe opportuno per l’accesso alla carriera, anche quella politica. È strano – conclude – che da parte di alcuni candidati sindaco si eluda il problema, quasi che non esistesse”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!