Lupiae. I lavoratori protestano

Ancora problemi per la Lupiae

Si rifiutano di lavorare, perché non vengono pagati con puntualità. E’ successo ieri presso la Lupiae servizi, la società mista del Comune di Lecce. Ma grazie all’intervento di Adriana Poli Bortone, la protesta è rientrata

Ancora problemi per la Lupiae servizi, la società mista del Comune di Lecce, che continua ad essere sotto i riflettori. Stavolta per un problema di stipendi. I lavoratori, infatti, non vengono pagati (attendono la busta paga da una settimana) e allora incrociano le braccia e si rifiutano di lavorare. Ieri, in un’accesa assemblea con i dipendenti, il neopresidente Luigi Rizzo ha minacciato di dimettersi se le cose non fossero immediatamente cambiate. In realtà,l’ex capogruppo dell’Udc rassicura di non avere intenzione di andare via dalla società. La protesta è comunque rientrata, dopo un incontro in Prefettura tra le organizzazioni sindacali (Cgil, Uil e Ugl), il capo di gabinetto del sindaco Maria Teresa Romoli e il prefetto Gianfranco Casilli. Inoltre, grazie ad un interessamento diretto di Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, la società ha assicurato che la Banca d’Italia sta già preparando il bonifico che il Comune dovrebbe poi “girare” alla società mista. I lavoratori dovrebbero essere pagati entro giovedì.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!