Tragedia sulla 275: muore motociclista

Muore in sella alla sua passione

Giovanni Chiffi, 35 anni di Alessano, è morto in un incidente stradale sulla strada statale 275 tamponando violentemente l’auto che lo precedeva. Inutili i tentativi di soccorso dei medici dell’ospedale di Tricase

“Harley”. Questo è il nome che aveva dato al club che gestiva. Giovanni Chiffi, 35 anni di Alessano, appassionato delle due ruote, è morto in un incidente stradale sulla statale 275. Mai avrebbe pensato che quella sua passione lo avrebbe portato alla morte e invece nel pomeriggio di domenica 11 marzo la sua Kawasaki ha smesso di ruggire. L’incidente è accaduto ad un incrocio della statale 275, precisamente sulla Alessano-Lucugnano, quando ha tamponato violentemente una Fiat Punto ferma, investendola in pieno sul lato sinistro della strada. Il giovane centauro ha fatto un volo e poi ha battuto violentemente la testa sull’asfalto. Per lui, nonostante i rapidi soccorsi, non c’è stato a da fare. Arrivato all’ospedale di Tricase è morto a causa del fortissimo trauma cranico. Giovanni quel giorno non indossava il casco e forse se lo avesse avuto il suo destino sarebbe potuto essere diverso. Sulla dinamica dell’incidente stanno indagando i carabinieri della stazione di Alessano e i colleghi della compagnia di Tricase, al comando del capitano Nicola Candido. Giovanni è morto proprio sulla statale 275, l’arteria che in questi giorni è tornata alla ribalta della cronaca per un raddoppio a quattro corsie che stenta a vedere la luce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!