De Cristofaro: “Non voglio indennità”

Le proposte di Mario De Cristofaro, candidato sindaco di Lecce

Risolvere la povertà e rendere la città più vivibile per i portatori di handicap. Sono queste le prime proposte di Mario De Cristofaro. Che invita anche gli altri candidati alla poltrona di primo cittadino a seguire il suo esempio

“Qualunque sia la risposta che spero diano in tempi brevi gli altri candidati sindaco, ribadisco che se eletto devolverò la mia indennità al fondo “Lecce solidale” che intendo costituire per conseguire i due obiettivi prioritari del mio programma di governo: l’abbattimento delle barriere architettoniche per consentire ai diversamente abili di poter fruire a pieno titolo di una città oggi loro essenzialmente negata; l’eliminazione delle sacche di povertà e degrado sociali di cui sono incolpevoli vittime soprattutto gli anziani soli ed abbandonati”. Sono parole di Mario De Cristofaro, candidato primo cittadino di Lecce, che avanza le prime proposte di programma e poi, rivolgendosi agli altri candidati alla poltrona di sindaco di Lecce, li invita a seguire il suo consiglio: “Chiedo agli altri candidati sindaco – dice – di sottoscrivere almeno un altro impegno d’onore con la città: formare una giunta di massimo dieci assessori, di cui almeno un terzo donne, in luogo dei 14 assessori attuali. La firma di tale impegno d’onore comporta un risparmio di denaro pubblico di oltre 20mila euro mensili, quindi circa 250mila euro destinare alla realizzazione dei succitati obiettivi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!