Sono troppo avanti

Chiudete i giornali e spegnete i televideo. I prossimi risvolti della mia soap preferita ve li racconto io

La mia amica Tedesca mi ha svelato di tutto e di più su Centovetrine. Lei che è sempre così aggiornata. Mi ha sconvolta così tanto che non ci ho dormito. E a qualcuno devo pur raccontare quello che ho saputo. Se no, che tronista sarei?

Ho preso sonno con difficoltà, ieri notte. Mi continuavano a girare in testa le ultime rivelazioni che ho avuto sull’argomento “Centovetrine”. Cose inedite, materiale scottante. Mica le solite news sempre poco soddisfacenti che siamo abituati a leggere ormai dappertutto. La mia amica Tedesca sa già tutto. Sa come andranno a finire un paio di storielle niente male. Che, fortunatamente, non sono coperte da chissà quale divieto di pubblicazione. Quindi ve le posso raccontare. Se è vero che la vera pettegola, non è chi vede e poi racconta, ma chi sente e poi racconta, allora eccovi i pettegolezzi più aggiornati del piccolo schermo. Asia riesce a raggiungere Marco l’altro ed Edoardo (il padre, il cattivo, colui ha messo su tutta la scena del Marco vero e del Marco finto, ovvero del sosia, per mettere le mani sulla holding Ferri che ora è finalmente sua). Li segue, scopre che quel Marco che lei ha seguito non è il vero Marco; ma è Lorenzo, in realtà. Meglio noto come Marco l’altro. Prende la pistola e spara. Forse vuole sparare Marco l’altro o forse Edoardo. Non possiamo saperlo. Sappiamo però che in ospedale ci finisce Edoardo. E che i figli (Stefano e Marco, quello vero) decidono di non denunciarlo. Insomma: tuo padre ti vuole uccidere, ti rivolta contro tutte le atrocità possibili ed (in)immaginabili, praticamente ti riduce in stracci e tu non lo denunci. Contenti loro! Di come andrà a finire tra Laura e Marco l’altro (ovvero Lorenzo) non ho novità, anche perché non si sa ancora se Marco l’altro sopravviverà allo sparo di Asia (ancora non abbiamo rivelazioni su chi sia stato il vero bersaglio del colpo). Marco, il vero, tornerà con Asia ma la loro storia d’amore non sarà più quella di una volta. Voltiamo pagina. Chiara ed Ivan si devono sposare. Tolta di mezzo (tolta di mezzo davvero?) Anna, con i suoi intrighi ed i suoi sotterfugi, hanno concordato la data delle nozze e sono così teneri, così emozionati. Lei decide tutto, organizza, fa le telefonate, stila la lista degli invitati (dalla quale la sorella Anna è esclusa). Lui si applica un po’ di meno. Ma lei lo ama anche per questo. Naturalmente non può essere che una cosa va liscia come dovrebbe, una volta tanto. E infatti: destino vuole che anche stavolta succeda qualcosa. E, quel che è più divertente è che: a lei viene il morbillo e, forse, per questo i due promessi dovranno spostare la data del matrimonio (e chi lo sa se poi ci si metterà anche la vecchia Anna di mezzo!). Non oso neanche pensare alla possibilità che mi venga il morbillo il giorno delle mie nozze! Preferirei certamente arrivare all’altare tutta piena di punticci rossi e con la febbre da cavallo piuttosto che rimandare ancora e, soprattutto, farmi scappare, ancora una volta, quel gran bel pezzo di marito di Ivan Bettini. …e per oggi basta. In effetti altre news ce le avrei. Ma è meglio svelarle un po’ alla volta. Credo che il livello di scoop sia sufficiente. O no?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!