Abash. Nuovo cd dedicato alle “madri senza terra”

La band etno-rock del Salento firma il suo terzo album

A qualche anno di distanza dal cd che li ha lanciati, Spine e Malelingue prodotto da Rai Trade, è uscito, per l'etichetta “Il Manifesto”, il terzo lavoro degli Abash, gruppo etno-rock del Salento.

“Madri senza terra” è il titolo del terzo album degli Abash, uscito per l'etichetta “Il Manifesto”. A due anni di distanza da “Spine e Malelingue”, il cd prodotto da Rai Trade che ha lanciato la band etno-rock suscitando forte interesse da parte della critica, il sestetto salentino torna con un undici tracce immerse nel Mediteranneo, tra oriente e occidente. Un rock progressivo, quello degli Abash, che affonda le radici nella musica etno popolare salentina, per poi passare ai ritmi tribali della vicina Africa e alle suadenti melodie orientali. Pezzo trainante del disco è “Madri” per il quale il gruppo ha girato un video forte e intenso come la voce della cantante Annarita Luceri. Sullo sfondo dei luoghi tipici della nostra terra, si eleva il grido di una madre che piange il proprio figlio di fronte ad una croce. Gli Abash si formano nel 1998 dando vita ad un rock mediterraneo un po' progressive di cui, ad oggi, possono ritenersi unici interpreti. Nel 2000 esce il loro primo cd, “Salentu e Africa”, che dà inizio ad un originale percorso musicale e artistico. La band è composta da: Annarita Luceri (voce), Maurilio Gigante (basso e voce), Luciano Toma (tastiere), Paolo Colazzo (batteria), Daniele Stefano (chitarre), Luciano Treggiari (percussioni e fiati). Per maggiori info: www.abash.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!