Arriva a Lecce il nuovo mercato multietnico

Una risorsa economica e di integrazione culturale

Presto al via i lavori per la realizzazione della struttura che ospiterà il nuovo mercato multietnico.Il Comune di Lecce ha assegnato l'appalto

Assegnato l’appalto per la realizzazione della struttura che ospiterà il nuovo Mercato Multietnico che sorgerà a Lecce, nell’area adiacente al mercato di Settelacquare (via Aldo Moro). Attualmente localizzato in strutture precarie poste a ridosso del Castello Carlo V, il mercato multietnico è fonte di reddito per un gran numero di esercenti stranieri ma è anche un’attrattiva per residenti e turisti. L’area individuata si estende per oltre 9 mila metri quadri e avrà una superficie coperta di 753 metri quadri. Il progetto prevede la realizzazione di 4 blocchi a forma di “L”, posti in assi perpendicolari e simmetrici che formeranno un quadrato con corsia carrabile a disposizione degli operatori, dotata di aiuole e pubblica illuminazione. I 4 fabbricati saranno costituiti da 32 cellule adibite alla vendita della superficie di 16 metri quadri, un locale multiuso, altri 3 locali da 26 metri quadri ciascuno da destinare alla vendita e bagni. “Con l’assegnazione dell’appalto per il Mercato Multietnico portiamo a termine un preciso obiettivo del nostro programma di governo – commenta il sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone – al quale tenevamo moltissimo. Lo presenteremo subito alla Consulta per l’Immigrazione, che si insedierà nei prossimi giorni. Credo che questa area commerciale, oltre ai risvolti di stretta natura economica, possa comportare una significativa valorizzazione delle peculiarità delle culture e delle identità straniere presenti nella nostra città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!