Poli Bortone internazionale

The Times: “Adriana Poli Bortone riaccende il dibattito su radici cristiane e costituzione europea”

Per il giornale britannico Adriana Poli Bortone, eurodeputato del gruppo Uen, sta cercando concretamente di superare le barriere imposte da alcuni Stati per l’inserimento delle radici cristiane nel testo del trattato costituzionale europeo

Per il giornale britannico The Times Adriana Poli Bortone, eurodeputato al parlamento europeo, è l’unica che sta cercando concretamente di superare le barriere imposte da alcuni Stati all’inserimento del tema delle radici cristiane nel testo del Trattato costituzionale europeo. Com’è noto, l’eurodeputato del gruppo Uen ha presentato una dichiarazione scritta con la quale si chiede che la costituzione europea preveda una definizione delle eredità culturali del continente che non ometta di fare riferimento alle radici cristiane, nella convinzione che queste hanno contribuito ed ancora contribuiscono alla cultura e all’umanesimo dei quali l’Europa è legittimamente fiera. In un articolo a firma di Ivan Camilleri apparso nei giorni scorsi, il quotidiano parla di una iniziativa che rianima il dibattito sulla cosiddetta “Christian heritage” dell’Europa. Un confronto che va avanti fin dai primi momenti della stesura del trattato e che ha visto impegnati esponenti del parlamento europeo provenienti da ogni Stato membro, ma che negli ultimi tempi sembra essere stato accantonato soprattutto dopo il “no” referendario di Francia e Olanda. Secondo The Times l’iniziativa di Adriana Poli Bortone ha trovato immediatamente il sostegno, tra gli altri, dell’eurodeputato maltese David Casa, uno dei più convinti assertori dell’opportunità dell’inserimento del riferimento alla cristianità nella nuova costituzione dell’unione europea.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!