In 200 dal Papa

Da Lecce a Roma per l’udienza del Pontefice

Anziani, disabili, dipendenti comunali leccesi, guidati da Francesca Mariano, assessora ai Minori, Servizi e Assistenza agli Anziani e Disabili, hanno preso parte, ieri mattina, all’udienza papale nell’aula “Paolo VI” del Vaticano. Portando doni che ricordano il Salento

Una delegazione composta da circa 200 anziani, disabili e dipendenti comunali leccesi, guidata da Francesca Mariano, assessora ai Minori, Servizi e Assistenza agli Anziani e Disabili, ha partecipato ieri mattina all’udienza papale del mercoledì presso l’Aula “Paolo VI” del Vaticano. Insieme a gruppi di fedeli provenienti da tutto il mondo la delegazione leccese ha ascoltato il messaggio di Benedetto XVI, che ha letto una lettera di San Paolo e ha poi proceduto alla benedizione di decine di giovani coppie di sposi. L’assessora Francesca Mariano ha consegnato in dono al Pontefice tre fermacarte realizzati dall’argentiere salentino Pietro Paolo. Si tratta di manufatti che testimoniano il barocco e la cultura religiosa di Lecce e del Salento grazie alle raffigurazioni impresse, che ricordano la chiesa di Santa Croce di Minervino, un particolare dell’altare e dei capitelli costruiti dallo Zimbalo nel Duomo di Lecce e le figure angeliche della chiesa di Santa Maria di Campi Salentina. “Per me si è trattato di una grande emozione poter avvicinare il Santo Padre – ha commentato Mariano -; a lui abbiamo portato la nostra piccola testimonianza di arte e di cultura religiosa e soprattutto ho testimoniato l’affetto dei presenti e dell’intera comunità religiosa leccese. E’ stato un momento di altissima spiritualità e profondamente educativo per tutti, che spero si possa ripetere in futuro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!