Poli: “Al Fazzi la banca per le cellule staminali”

Adriana Poli Bortone chiede a Tedesco e Vendola di valutare la possibilità di istituire al Fazzi una banca per le cellule staminali

Adriana Poli Bortone scrive a Tedesco, assessore alla salute della Regione Puglia, sottoponendo all’attenzione della giunta regionale l’ipotesi che il “Fazzi” di Lecce possa ospitare il centro per la conservazione delle cellule staminali

Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, ha chiesto ad Alberto Tedesco, assessore alla salute della Regione Puglia, di valutare con attenzione la possibilità che la struttura ospedaliera “Fazzi” di Lecce possa ospitare il centro regionale per la conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale. Il primo cittadino ritiene urgente l’attuazione della legge regionale sul sistema trasfusionale, che prevede tra le altre cose proprio l’individuazione di una struttura di questo tipo. “La Legge Regionale n. 24/06 – scrive Adriana Poli Bortone in una lettera inviata lunedì 111 dicembre all’assessore Tedesco e per conoscenza al presidente Vendola ed al direttore generale della Asl Le/1 Trianni – riorganizza l’intero sistema trasfusionale regionale prevedendo il termine di novanta giorni entro il quale la giunta regionale avrebbe dovuto individuare, fra le altre, la struttura cui affidare compiti di centro di riferimento regionale per la conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale. Ad oggi – fa notare il primo cittadino di Lecce – la legge in questione non ha ancora trovato attuazione, nonostante l’attualità e l’urgenza del problema, che ha visto proprio nella città di Lecce la nascita del comitato promotore “Un cordone per la vita” che registra, ad oggi, 6000 adesioni. Ritengo inoltre – conclude Adriana Poli Bortone – che l’ospedale “Fazzi” possa rappresentare la struttura giusta per la realizzazione di tale banca”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!