Poli: “Perché al Fazzi”

Poli Bortone lancia l’allarme: “Dobbiamo comprendere”

Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, esterna i propri dubbi e le proprie domande dopo l’ennesimo episodio di violenza verificatosi all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce

“Non è certo colpa dei medici o degli operatori sanitari, ma qualche disfunzione di carattere organizzativo al Fazzi evidentemente esiste. Che cos’è che non quadra”? Se lo chiede Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, dopo l’ennesimo episodio di violenza che si è registrato all’interno delle strutture della Asl Le/1 nel giro di pochi giorni. “Non vogliamo certo dare giudizi affrettati – chiarisce il primo cittadino – ma due gravi episodi di questo tipo nel giro di una settimana, con aggressioni di familiari di pazienti ai danni di medici ed infermieri, ci preoccupano. Occorre condannare con fermezza questi atteggiamenti violenti che rendono poco sicuro lo svolgimento del lavoro degli operatori sanitari e poco serena la degenza dei pazienti, ma occorre anche comprenderne le cause. Che cosa esaspera l’utenza? Che cosa genera tanta violenza”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!