Tre doni e un saluto

Mappa per lascolto

Dunque, per ascoltare

avvicina allorecchio

la conchiglia della mano

che ti trasmetta le linee sonore

del passato, le morbide voci

e quelle ghiacciate,

e la colonna audace del futuro,

fino alla sabbia lenta

del presente, allora prediligi

il silenzio che segue la nota

e la rende sconosciuta

e lesta nello sfuggire

ogni via domestica del senso.

Accosta allorecchio il vuoto

fecondo della mano,

vuoto con vuoto.

Ripiega i pensieri

fino a riceverle in pieno

petto risonante

le parole in boccio.

Per ascoltare bisogna aver fame

e anche sete,

sete che sia tuttuno col deserto,

fame che è pezzetto di pane in tasca

e briciole per chiamare i voli,

perché è in volo che arriva il senso

e non rifacendo il cammino a ritroso,

visto che il sentiero,

anche quando è il medesimo, non è mai lo stesso

dellandata.

Dunque, abbraccia le parole

come fanno le rondini col cielo,

tuffandosi, aperte allinfinito,

abisso del senso.

Chandra Livia Candiani

 

Tengo i giorni chiari, quelli scuri li rendo al destino

Zsuzsa Bánk

 

Se apro il mio libro di poesia

o le valvole del mio cuore

quale poesia può contenere la tua manina che saluta sulla soglia della scuola?

ti avvicini, salti…

il tuo bacio colma le mie vene con l’irrequietezza della poesia

e il miracolo di un momento come se stesse per sfuggire

come un puledro selvaggio.

Fawziyya Abu Khalid

 

Lascio alle parole di queste tre donne il mio augurio per voi.

Questo il mio regalo, per salutare un anno intenso quanto singolare che, nel bene e nel male, resterà per sempre impresso nella nostra memoria.

La prima è una poesia di Chandra Livia Candiani, per augurarvi il dono dell’ascolto e la capacità di spiccare il volo.

Che il 2021 possa regalare la possibilità di sentire le voci del profondo, a tutti, a chi ferisce e a chi subisce. E che, grazie a questo, i primi possano prendere piena consapevolezza del male che infieriscono e i secondi possano trovare la forza di alzare la voce per difendersi.

Il dono dell’ascolto, l’unica qualità che ci permetterebbe di riconnetterci con l’universo e con la natura e, finalmente, cambiare rotta, spiccare il volo.

Poi una frase rubata al libro “I giorni chiari”, di Zsuzsa Bánk, perché vi auguro di riuscire a fare esattamente come lei: trattenere in voi il bello di ogni cosa (anche la più drammatica) e lasciare andare il resto.

E, per finire, un estratto del poema di Fawziyya Abu Khalid, perché sono grata di poter passare anche queste feste insieme alle mie figlie e auguro a tutti e tutte di poter fare lo stesso, se non in questi giorni, per tutto l’anno che verrà.

Come vi avevo preannunciato i tempi sono maturi perché questa rubrica si evolva, con il nuovo anno infatti il nostro appuntamento si trasformerà, cambierà consistenza e, per questo, diventerà mensile. Perché bisogna avere il coraggio di cambiare per continuare a crescere.

Ci vediamo il 1 febbraio.

Grazie di tutto,

L’Olandese volante

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

2 Commenti

    1. Avatar
      uesta

      Caro Roberto,
      il Suo augurio sembra essere potente, che già si prospettano settimane piene…speriamo sia solo un assaggio di ciò che verrà!
      Continuo a ricevere prenotazioni per le mie danze illecite, nel frattempo cerco di fare una riflessione di ampio respiro per non delurla al nostro prossimo appuntamento..
      Buon anno anche a Lei, pieno di creatività, salute e ispirazione anche a Lei.
      a presto!

      Reply

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Barbara Toma

Agitatrice, Animale da palco, Coreografa, drammaturga e mamma single salentina-olandese. In equilibrio precario, sul filo della vita, con due figlie e una sola vocazione: la danza. Non per forza sincera, ma dannatamente vera. Fuori luogo ovunque, tranne sul palco, l’unico posto dove il suo modo di agire non è controproducente.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!