Lecce si candida a patrimonio dell’umanità

Al vaglio la proposta di Adriana Poli Bortone

Un gruppo di lavoro incaricato dovrà stabilire il carattere di eccezionalità dei beni paesaggistici e culturali della città di Lecce per stabilire se questa possa rientrare tra i beni Unesco

Si è tenuta ieri a Palazzo Carafa una riunione tra i rappresentanti istituzionali e tecnici di Comune di Lecce, Provincia di Lecce, Università degli Studi di Lecce e Ministero dei Beni Culturali per discutere della proposta di candidatura del Salento e dei centri del barocco leccese all’inserimento nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco, il cosiddetto “patrimonio dell’umanità”. In particolare erano presenti Manuel Guido, direttore dell’Ufficio Unesco del Ministero dei Beni Culturali ed, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, Severo Martini, assessore al Turismo, Comunicazione e Marketing Territoriale e l’archeologa Maria Cristina Franco. Il Ministero sta valutando la possibilità di far confluire l’iniziativa di Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, che per prima, qualche anno fa, avanzò la candidatura della città di Lecce, in una ipotesi più organica che comprenda, oltre a quelli del capoluogo, anche i beni paesaggistici e culturali degli altri centri della provincia di Lecce e dell’intero Salento. L’incontro di ieri mattina è servito a stilare un programma operativo, la cui prima fase consentirà di definire la tipologia dei beni oggetto della candidatura e la definizione territoriale della stessa. Nello specifico, il gruppo di lavoro appositamente incaricato dovrà stabilire il carattere di eccezionalità del valore e dell’importanza dei beni paesaggistici e culturali individuati quale requisito necessario per l’inserimento nella lista. L’obiettivo di questa prima fase è la produzione di un dossier particolareggiato che servirà, nella seconda fase prevista dal programma operativo, per la procedura che prevede la valutazione delle Istituzioni del territorio interessato e dei cittadini e che sarà poi sottoposto alla valutazione dell’Unesco. La riunione di eiri, in sostanza, costituisce un importante passo in avanti nel percorso che potrebbe portare a breve Lecce ed il Salento a diventare “patrimonio dell’umanità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!