Aspettando il Crotone

In attesa della gara di sabato l'adrenalina aumenta nella speranza che sia arrivato il momento della svolta

Contro i calabresi mister Zeman dovrà fare a meno di Giacomazzi (squalificato) mentre rientra Angelo e Cozzolino scalda i motori nella speranza di partire dal primo minuto

Abbandonati i sentimentalismi della scorsa volta vediamo ora qual è la situazione di Lecce e Crotone che sabato pomeriggio si incontreranno al via del Mare. Dunque, il Lecce non può far altro che puntare al massimo risultato possibile ma si troverà davanti un avversario agguerrito, in cerca di distaccarsi dal quart’ultimo posto, reduce da una vittoria per 3 a 0 contro il Rimini e tanto la concentrazione è difficile da raggiungere quanto provvidenziali sono le decisione della società che ha deciso di creare un muro attorno alla squadra ed all’allenatore lasciandoli lavorare in silenzio ed esponendosi in prima persona come ha spiegato i presidente Vrenna “La società parlerà sempre e quindi non esiste nessun problema, per cui non si tratta di silenzio stampa. Ho solo deciso che squadra e allenatore prendano un po’ di riposo, e lavorino in silenzio”. Per quanto riguarda le formazioni c’è da dire che mister Zeman ha ripreso gli allenamenti senza i nazionali convocati ossia Petras, Diamoutene e Giacomazzi che comunque sarà indisponibile per squalifica. Mentre Angelo ritornerà a disposizione del mister, Osvaldo deve ancora scontare un turno di squalifica imposto dal giudice sportivo ed intanto Cozzolino spera di partire dal primo minuto dato anche l’infortunio di Tulli. Infine mister Gustinetti dovrà fare a meno del centrocampista Sebastien Procelle, squalificato, ma ritorna a disposizione il difensore Alioui da verificare invece le condizioni di Borghetti (contusione ginocchio destro), carretto (risentimento muscolare) e Calmieri (ferita all’occhio). Va aggiunto infine che mister Zeman sbatto pomeriggio taglierà il traguardo delle 800 panchine professionistiche.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!