Finanziaria: la Poli spera

Il sindaco Poli Bortone auspica che il Governo riporti il taglio all’1,6

“Non è assolutamente vero che i Comuni sarebbero contenti di un taglio di 400/500 milioni di euro!” E’ il chiarimento del sindaco Adriana Poli Bortone sulle ipotesi di modifica alla Legge Finanziaria

“Sarebbe una elemosina – continua – che i Comuni non possono accettare. Basterebbe ricondurre il taglio di 2,8 all’1,6, pari a quello fatto dal Governo Berlusconi: sarebbe assurdo, infatti, se i Comuni, a fronte di tagli comunque più alti di quelli dello scorso anno, si dichiarassero soddisfatti. Noi, sindaci di An – fa sapere il primo cittadino – certamente non siamo disponibili alle mance. Piuttosto escluda il Governo dal patto di stabilità le spese di carattere sociale come fece il Governo di centrodestra, dando così la possibilità ai Comuni di intervenire in maniera più adeguata verso le nuove e vecchie povertà. Ed in questa battaglia contro la Finanziaria – conclude – mi auguro che non ci siano Sindaci di Sinistra e Sindaci di Destra, ma Sindaci e basta a difesa delle comunità amministrate”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!