E-learning. Con RISO basta un click

Il web per migliorare i servizi ai cittadini

E’ ormai ai nastri di partenza “e-learning”, l'attività di formazione per imparare ad usare o ad erogare i servizi che il progetto R.i.s.o. (Rete ionico-salentina per l'occupazione) immette in rete

L'e-learning, piattaforma di formazione a distanza, sarà a breve disponibile per tutti e 90 gli enti della pubblica amministrazione aderenti al progetto di e – Government R.I.S.O. (Rete ionico – salentina per l’occupazione), finanziato dal Ministero per l’Innovazione e dalla Regione Puglia, di cui la Provincia di Lecce è capofila. È partita, infatti, nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto, la seconda fase del programma di formazione-intervento che preparerà amministratori locali, dirigenti e funzionari dei Comuni salentini, ad utilizzare la nuova tecnologia informatica per migliorare attraverso il web i servizi messi a disposizione dei cittadini. E martedì 3 ottobre sarà la volta del capoluogo salentino. Dalle ore 10 alle 13, presso il Centro polivalente, ex Cnoss, in via Salesiani 1, a Lecce, si terrà un incontro con i cosiddetti “progettisti”, i funzionari dei Comuni, cioè, precedentemente scelti dagli amministratori, in cui saranno illustrati: lo stato di evoluzione dei servizi previsti da R.i.s.o.; il funzionamento della piattaforma di e-Learning; i programmi formativi inclusi sulla piattaforma. I lavori saranno aperti da Loredana Capone, assessore provinciale all’Innovazione tecnologica e da Luigi Tundo, dirigente dei Servizi informatici e responsabile del progetto RISO. Coordinerà Renato Di Gregorio, presidente dell’Istituto di ricerca per la formazione-intervento® di Roma. Il progetto R.i.s.o., che punta ad immettere in rete, attraverso internet, servizi e procedure utili a cittadini ed imprenditori, prevede la realizzazione entro l’anno, a Brindisi, di un Centro servizi per la formazione a distanza che consentirà a tutti gli operatori, impiegati nei Comuni, nelle Province e negli enti, di migliorare la propria competenza professionale rimanendo in ufficio o addirittura a casa. Non solo. Anche i cittadini, potranno servirsi delle nozioni messe a disposizione sulla piattaforma per conoscere come gestire le proprie pratiche via internet. Con il progetto Riso è stata costituita una Struttura di gestione dell’innovazione (Sgi) formata da tre figure innovative: gli sponsor, i facilitatori ed i progettisti. Agli sponsor è affidato il compito di gestire strategicamente lo sviluppo del progetto Riso; questi sono circa 60, scelti tra gli amministratori nelle tre province, ed hanno già completato il primo modulo della formazione-intervento. Mediante questo programma, i sindaci e gli assessori “sponsor” di Riso hanno individuato i dirigenti “facilitatori” ed hanno progettato la strutturazione dei 18 gruppi di progetto in cui opereranno i 166 “progettisti”. Essi sono funzionari dei comuni, scelti tra gli altri, perché conoscono a fondo le esigenze dei servizi che gestiscono e possono quindi indicare meglio le esigenze che la tecnologia internet deve soddisfare per erogare lo stesso servizio via web.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!