Bianco contro Capone

Bianco: “il sopralluogo al campo-scuola di Santa Rosa fatto dalla Capone, che ne ha denunciato lo stato di degrado, è solo un modo per farsi pubblicità”

Salvatore Bianco, assessore allo sport e tempo libero, risponde a Loredana Capone, candidato sindaco alle Primarie del centro-sinistra. Il campo scuola Santa Rosa è stato oggetto di interventi da parte dell’amministrazione comunale che ne hanno migliorato la fruibilità

“La tuttologa Loredana Capone non si smentisce”. Parola di Salvatore Bianco, assessore allo sport della giunta presieduta da Adriana Poli Bortone. Continua il suo viaggio verso le primarie attraverso sopralluoghi e visite su tutto il territorio leccese, esprimendo il suo disappunto ed un continuo dissenso su ogni situazione; screditando qualsiasi realizzazione dell’Amministrazione comunale ritenendo, così, più facile raccogliere adesioni, prospettando soluzioni miracolistiche, al solo fine di ottenere improbabili consensi. Evidentemente ignora che l’elettorato è ormai maturo e non cede più alle lusinghe, alle false promesse, ad utopistici programmi. Nell’ultimo sopralluogo effettuato nel campo scuola Santa Rosa, la Capone ha registrato un totale stato di abbandono della struttura, che, però, contrasta con gli stessi interventi effettuati dalla sua Provincia, con notevole impegno economico e che insieme a quelli profusi dall’amministrazione comunale e mio personale, hanno consentito all’impianto una positiva e radicale trasformazione a livello di immagine e di fruibilità; la struttura peraltro viene monitorata giornalmente con interventi di diversa natura. Sicuramente la Capone è la prima volta che si presenta al campo scuola, come anche per la prima volta si è presentata sulla fascia costiera, promettendo mari e monti, ignorando totalmente la precedente realtà che caratterizzava tali luoghi. Al di là delle vuote parole, quando ricopriva l’incarico di assessore all’urbanistica della città di Lecce, perché non ha programmato interventi seri e risolutivi per migliorare la fascia costiera? Molto probabilmente, allora come oggi, ha preferito solo apparire sulla stampa ed in tv o risolvere miliardarie transazioni che si sono ripercosse sulle tasche dei cittadini!”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!