Primarie: nessuna regolamentazione

Nessun accordo sulla proposta dell’assessore Garrisi, di regolamentare le primarie del centro-sinistra

Alla riunione convocata da Gianni Garrisi, assessore agli Affari generali del Comune di Lecce, con delega ai Servizi elettorali, per raggiungere un accordo sulla regolamentazione delle primarie si è presentato soltanto il candidato Beppe D’Ercole

Convocata lunedì 11 settembre, su proposta di Gianni Garrisi, assessore agli Affari generali con delega ai Servizi elettorali per il Comune di Lecce, la riunione a Palazzo Carafa, non ha sortito alcun risultato. L’obiettivo per il quale era stata indetta, nelle intenzioni dell’assessore, era raggiungere una regolamentazione condivisa per lo svolgimento delle elezioni primarie con le quali le forze politiche della coalizione di centrosinistra sceglieranno, domenica 17 settembre, il candidato sindaco per le amministrative 2007. Ma all’incontro si è presentato soltanto il candidato Beppe D’Ercole. “La riunione è andata quasi deserta – ha dichiarato Garrisi – essendo intervenuto solo uno dei candidati, che assieme ad altri aveva lamentato l’assenza di regolamentazione. Non è stato prodotto alcun atto regolamentativo eventualmente scaturito dal tavolo tecnico appositamente costituito dall’Unione e non è stato possibile raggiungere alcuna intesa condivisa. Sia pure per gli ultimi giorni di campagna – ha continuato l’assessore – sarebbe stato utile ed opportuno raggiungere un accordo per regolamentare la concessione delle aree pubbliche richiesta al Comune dai singoli candidati. Si sarebbe potuto raggiungere, inoltre, un accordo per disciplinare l’accesso alle urne sotto il profilo della viabilità e dell’ordine pubblico. Evidentemente – ha concluso – le regole non piacciono o non interessano a chi sbandiera le primarie come palestra di democrazia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!