Vendola promette il centro oncologico a Casarano

Remigio Venuti, sindaco di Casarano, ringrazia

Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, annuncia che il centro oncologico di Casarano si farà. E al più presto possibile

Il presidente della Regione Nichi Vendola annuncia la costituzione del Polo Oncologico presso l'ospedale Ferrari ed il sindaco di Casarano Remigio Venuti ringrazia il governatore “per l'alta considerazione e l'apprezzamento della nostra città e per la naturale soluzione ad un problema che investe, purtroppo, moltissimi cittadini”. Vendola era intervenuto di sorpresa sabato scorso sul palco del Premio Casaranello rispondendo alle segnalazioni ricevute nei giorni precedenti dagli stessi malati oncologici. Soddisfatto per tale autorevole presenza e per l'annunciata soluzione di un problema annoso, il sindaco Venuti ha indirizzato al Governatore un messaggio di ringraziamento. “Le parole di stima e apprezzamento con cui l'onorevole Vendola ha gratificato la nostra Città ci hanno riempito d'orgoglio così come ci onora aver ricevuto la straordinaria notizia della costituzione, in tempi piuttosto brevi, del polo oncologico presso il Ferrari” ha scritto Venuti. “La sua apprezzata considerazione all'evento, ideato soprattutto per coinvolgere in maniera positiva gli studenti degli istituti superiori che, con i loro qualificati progetti, si sono resi protagonisti, offrendo il proprio contributo al delicato processo di crescita di Casarano e del territorio, ha nobilitato il Premio che, a mio avviso, ha toccato momenti di elevato spessore culturale e umano. Nel contempo- continua il sindaco- certo di interpretare i sentimenti non solo della mia comunità cittadina, intendo altresì manifestarle il sincero ringraziamento, per il preciso e tempestivo impegno preso per il nosocomio della nostra città per la costituzione del Polo oncologico all'ospedale “Francesco Ferrari”, comunicatoci appunto l'altra sera dal palco del Premio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!