Rotundo: “Rinasca l’economia salentina”

La ricetta di Grande Salento di Antonio Rotundo

All'indomani dalla pubblicazione dei dati sull'export salentino, Antonio Rotundo, esponente dei Ds, disegna la propria ricetta per il rilancio dell'economia di terra d'Otranto

“I dati sull’export salentino forniti dalla Camera di Commercio, in netta controtendenza rispetto a quelli regionali e nazionali, segnalano una difficoltà acuta e strutturale, dell’economia salentina, e sollecitano una riflessione a tutto campo ed un rinnovato impegno del complesso delle istituzioni e delle forze politiche e sociali di questo territorio”. È l’analisi di Antonio Rotundo (DS), per cui “quei dati, allarmanti perché riguardano comparti vitali del nostro apparato produttivo, ci ricordano come il Salento sia chiamato a vincere la sfida contro il declino, con davanti a se una vera e propria battaglia, per rendere competitiva la sua economia. Per giungere a questo risultato positivo – spiega Rotundo – è indispensabile un patto sociale tra le forze fondamentali dell’intera provincia, una nuova alleanza che veda come contraenti dell’intesa il mondo del lavoro, dell’impresa, delle istituzioni, l’Università ed il sistema bancario. È la precondizione, questa – prosegue Rotundo – per vincere la sfida della competizione nel mercato globale, per cui ciò che occorre è definire la nuova specializzazione produttiva del Salento, quindi aprire un nuovo ciclo della nostra economia. In questo senso – conclude – , Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce ha indicato, con la predisposizione del Piano Strategico, le coordinate intorno a cui possiamo costruire una nuova ipotesi di sviluppo, quella del ‘Grande Salento’: è la strada giusta, questa, su cui dobbiamo tutti insieme iniziare a camminare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!