C’era una volta il Natale

Le foto ingiallite del Natale salentino ormai dimenticato

Il rito della preparazione del presepe ad opera di sapienti rugose mani; l’albero di Natale e le ricette della tradizione. E’ questo il Natale dei ricordi

Basta andare indietro con la memoria per ritrovare le tante storie natalizie che il Salento ha da raccontare, così attaccato alle tradizioni e ai ricordi, ancora vivi, della gente di una volta, che si preparava alla festa con sentimento e ingenua semplicità. L’usanza più bella, che si va perdendo, era la preparazione del presepe, con i pupi, di varie dimensioni e colori, e al centro del paesaggio di Betlemme, ricostruito dalle abili e rugose mani di genitori e nonni, la Natività, con il bue, l’asinello, Giuseppe, Maria, “u bambineddhhu”, i pastori con le loro cornamuse. Il presepe occupava l’angolo più in vista della casa cosicché potesse essere ben ammirato e, a volte, era accompagnato dall’altrettanto sfavillante albero di Natale. Si trattava di alberi veri, agghindati con lunghi nastri e grandi palle diverse l’una dall’altra, perché ereditate dagli anni precedenti; ed anzi, quanto più passavano gli anni e più le decorazioni venivano riciclate e si usuravano, ancor più queste apparivano meravigliosamente fuori dal tempo e da ogni moda. Quando proprio veniva a mancare qualche pezzo, allora si correva a compare un Re Magio, qualche altra pecorella o la fontana dai maestri pupari (mestiere quasi scomparso). Già dalla festa dell’Immacolata (8 dicembre), si gustavano le “pittule” (“te la Maculata, la prima pittulata”). Le pittule, insieme alle “pucce” e ai “taraddhi”, accompagnavano tutto il periodo natalizio. Ma fra le ricette salentine di questo periodo, vi erano i “caranciuli”,dei bastoncini tagliati a tocchetti, avviluppati di miele e cosparsi con cannella e confettini. I “purciddhuzzi”, chiamati così perché avevano la forma del muso di un porcellino; le “carteddhate”, fritte e cosparse di miele; gli anisetti, piccoli e policromi confetti, simili a chicchi di grano, e il pesce di mandorla. Si è perduta anche la memoria del rosoliu, un liquore zuccheroso fatto in casa che suggellava l’abbondantissimo cenone della vigilia. Dopo la mezzanotte, ci si scambiava i doni sotto l’albero, si deponeva il Bambinello nella mangiatoia e ci si faceva gli auguri per un altro Natale arrivato. (tratto dal Tacco di dicembre attualmente in edicola)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!